Salvini a Macron: “Restituisca chi ha ucciso innocenti”  

Scritto da il 14 gennaio 2019

Salvini a Macron: Restituisca chi ha ucciso innocenti

(Afp)

Pubblicato il: 15/01/2019 18:18

“Faccio da qui appello alle autorità francesi, al governo francese e al presidente francese perché restituisca all’Italia e alla giustizia italiana quelli che hanno ammazzato degli innocenti, invece di finire a bere champagne sotto la Torre Eiffel”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini a ‘Pomeriggio Cinque’ su Canale 5.

Sul caso Battisti Salvini spiega: “Il carcere deve essere riabilitativo, va benissimo, ma uno che è condannato a quattro ergastoli, è giusto che passi il suo tempo in galera, sulla carta è giusto che la pena sia riabilitativa“. “Lui – aggiunge – non ha avuto il coraggio di chiedere scusa a nessuno, mi interessa che finirà i suoi anni in galera”.

“Mi hanno detto che lo hanno trovato sollevato, come se si fosse liberato di un peso, ma quel peso tante famiglie lo hanno portato sulle spalle per tanti anni – spiega il ministro dell’Interno -. Del suo stato emotivo non mi interessa nulla”. Battisti non ha avuto il buon gusto di chiedere scusa”, aggiunge, ricordando come anche “per stupratori e pedofili fatico a pensare a una riabilitazione, hanno problemi e vanno curati”.

Poi, rispondendo a Pomeriggio 5, alla domanda sul perché indossi sempre un indumento delle forze dell’ordine, Salvini precisa: “La indosso per ringraziarli e onorarli, c’è qualcuno che ancora li chiama sbirri”. Le accuse per il fatto di indossare le divise? “Me ne frego. Siccome ogni giorno si alzano e rischiano la vita per 1.300 euro sono orgoglioso di questa cosa e anche di quello che faccio da ministro”. “C’è chi scrive sui muri ogni infamia contro i carabinieri – conclude – continuerà a farlo nonostante tutte le polemiche”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background