Italiani rapiti in Libia, condannati vertici Bonatti  

Scritto da il 21 gennaio 2019

Italiani rapiti in Libia, condannati vertici Bonatti

(Fotogramma)

Pubblicato il: 22/01/2019 13:45

Condannati a Roma in rito abbreviato i vertici della Bonatti, la società per la quale lavoravano i 4 tecnici italiani rapiti in Libia nel luglio 2015 a cui seguì la morte di due di loro, Salvatore Failla e Fausto Piano, il 2 marzo dell’anno successivo, nel corso di un conflitto a fuoco. In particolare, il gup Maria Paola Tomaselli ha condannato a 1 anno e 10 mesi con sospensione della pena il presidente della Bonatti, Paolo Ghirelli, i due membri del cda dell’azienda Dino Martinazzoli e Paolo Cardano e l’ex responsabile Bonatti per la Libia, Dennis Morson. E’ stato invece rinviato a giudizio Giovanni Di Vincenzo, altro membro del cda. Tutti erano accusati di “cooperazione colposa nel delitto doloso”. Disposta per la società anche una sanzione di 150mila euro.

Per il sequestro dei quattro operai della Bonatti, lo scorso marzo in Libia sono stati arrestati tre cittadini libici, tutti appartenenti all’Isis, i quali hanno ammesso le loro responsabilità. I tre, che si trovavano già in carcere per altri reati, sono accusati di sequestro di persona con finalità di terrorismo aggravato dalla morte di due ostaggi. Si tratta di Youssef Aldauody, l’autista che guidava il mezzo sui cui erano a bordo i due italiani al momento del rapimento, e di Ahmed Dhawadi e Ahmad Elsharo. Nella confessione i tre hanno raccontato che il piano di rapimento era stato organizzato per chiedere un riscatto e ottenere soldi per finanziare l’organizzazione terroristica.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background