Sea Watch verso la Sicilia, Salvini: “Provocazione” 

Scritto da il 23 gennaio 2019

Sea Watch verso la Sicilia, Salvini: Provocazione

(Afp)

Pubblicato il: 24/01/2019 14:01

La Sea Watch3si sta dirigendo verso la Sicilia per cercare riparo dalle mareggiate, ma non ha ancora trovato un porto dove far sbarcare i 47 migranti che ha a bordo da sabato. E’ quanto ha detto alla Dpa il portavoce dell’organizzazione umanitaria tedesca Sea Watch, Ruben Neugebauer, che gestisce l’unica nave di soccorso dispiegata al largo della costa libica. “Ci stiamo dirigendo verso la Sicilia orientale poiché sta arrivando una tempesta da ovest”, ha affermato. “La parte orientale della Sicilia è l’unico posto in cui saremo un po’ più al riparo dal maltempo”, ha spiegato, aggiungendo che all’imbarcazione, da ore in balia di onde alte sette metri, pioggia e forte vento, viene negato un ormeggio sia dall’Italia che da Malta. “I Paesi europei dovrebbero vergognarsi, soprattutto dopo lo scorso fine settimana”, ha detto Neugebauer, riferendosi ai recenti eventi nel Mediterraneo centrale.

Ma per il ministro Matteo Salvini si tratta dell'”ennesima provocazione in vista: dopo aver sostato per giorni in acque maltesi – scrive infatti il vicepremier su Facebook -, la nave olandese Sea Watch3 con 47 a bordo si sta dirigendo verso le nostre coste. Ribadisco che la nostra linea non cambia, né cambierà. Nessuno sbarcherà in Italia. Pronti a mandare medicine, viveri e ciò che dovesse servire – sottolinea ancora -, ma i porti italiani sono e resteranno chiusi”. Dello stesso avviso il ministro Luigi Di Maio: “La nave Ong Sea Watch, che sta navigando verso la Sicilia – commenta su Facebook -, avrà da parte del governo italiano, qualora ne avesse bisogno, supporto medico e sanitario. Dopo di che, invito a puntare la prua verso Marsiglia e far sbarcare le persone sul suolo francese, anziché aspettare inutilmente nelle acque italiane per giorni”, scrive, postando anche una mappa della città francese.

“Come stabilito a giugno 2018 nel consiglio europeo, le responsabilità dell’Europa sull’immigrazione sono condivise. Sul Mediterraneo non si affacciano solo l’Italia, la Grecia o la Spagna. Ma anche la Francia. E deve fare la sua parte”, rimarca quindi il capo politico del M5S.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background