Borsa: Milano cauta in attesa trimestrali, denaro su Tim/Il punto  

Pubblicato da in data 3 Febbraio 2019

Milano cauta in attesa trimestrali, denaro su Tim

Pubblicato il: 04/02/2019 18:10

Avvio di settimana all’insegna della prudenza per la piazza milanese (+0,15%) che, nelle prossime sedute, si troverà a fare i conti con le indicazioni in arrivo dai numeri trimestrali. Piatta tra gli altri listini continentali Francoforte (-0,04%). Parigi chiude con -0,38% mentre sull’altra sponda dell’Atlantico lo S&P500 segna un +0,21% e il Nasdaq un +0,8%.

Per quanto riguarda le indicazioni arrivate dai dati macro, indicazioni peggiori del previsto dall’indice europeo di fiducia Sentix (-3,7 punti), dai prezzi alla produzione di Eurolandia (-0,8% mensile) e dal dato che misura l’andamento degli ordini alle industrie statunitensi (-0,6% m/m).

In linea con il consenso l’inflazione italiana che, in versione preliminare, nel primo mese dell’anno ha segnato un +0,1% rispetto alla precedente rilevazione. “L’inflazione di fondo –ha commentato l’Ufficio Studi di Confcommercio- si mantiene su valori particolarmente bassi (+0,5% rispetto a gennaio del 2018), a conferma di pressioni inflazionistiche molto contenute all’interno del sistema”.

Dopo una partenza al rialzo in scia delle tensioni politiche, lo spread Btp – Bund ha chiuso sostanzialmente stabile a 256 punti. Sul valutario, l’incrocio tra la moneta unica ed il biglietto verde quota 1,1427$, un quarto di punto percentuale al di sotto del dato precedente mentre tra le commodity, -0,8% per il Brent, in calo a 62,2 dollari il barile.

Sul Ftse Mib, che ha terminato a 19.605,60 punti (+0,15%), Telecom Italia ha segnato un +1,9% in scia delle dichiarazioni rese dall’Ad della Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo. Palermo, intervenuto all’Assiom Forex, si è detto favorevole all’ipotesi di creare una rete unica con Open Fiber.

L’ufficio studi di Money.it segnala che la palma di top performer del listino principale va a FinecoBank (+3,44%), alla vigilia del Cda chiamato ad approvare i numeri relativi l’esercizio 2018. Segno più anche per Banco BPM (+0,65%) dopo che il Ceo Giuseppe Castagna ha ribadito di non voler intervenire in Carige e annunciato che il 2019 sarà il primo anno “normale” e la redditività farà segnare un rialzo. Nel comparto, vendite su UniCredit (-1,24%) e parità di Intesa Sanpaolo (-0,05%). +2,34% di Poste che ha avviato il piano di buyback.

Performance positiva anche per Recordati (+2,33%) grazie al fallimento dell’Opa di Cvc.

All’interno del listino principale le performance peggiori sono state registrare da due titoli della galassia Agnelli: FCA (-1,66%), dopo il -21,7% registrato dalle immatricolazioni italiane a gennaio, e Juventus (-3,29%), all’indomani del pareggio con il Parma.


Opinioni dei lettori
  1. Jealali   On   29 Aprile 2019 at 20:00

    Vente De Viagra Au Maroc Comprar Cialis Andalucia [url=http://sildenafbuy.com]online pharmacy[/url] Cytotec Avortement Amoxil In Place Of Flagyl Cialis 20 Kaufen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background