Innovazione: Samsung Innovation Camp, presentati i vincitori  

Pubblicato da in data 5 Febbraio 2019

Samsung Innovation Camp, presentati i vincitori

Pubblicato il: 06/02/2019 17:43

Si è svolta oggi, presso la sede dell’Università degli studi dell’Insubria a Varese, la cerimonia di chiusura della seconda edizione di Samsung Innovation Camp, la prima per l’ateneo lombardo, con la premiazione dei gruppi che hanno presentato i migliori project work alle due aziende coinvolte nel progetto di Innovation Camp, Randstad ed Enoplastic. L’iniziativa, sviluppata da Samsung Electronics Italia in collaborazione con Randstad, è nata con l’idea di accompagnare gli studenti di una rete di università pubbliche italiane in un percorso formativo sull’innovazione, per trasformare il futuro in presente e accompagnare i ragazzi alla scoperta di nuovi scenari professionali.

Per la fase finale di Innovation Camp in Lombardia, sono stati selezionati i due migliori progetti, scelti tra i 585 studenti partecipanti nella sola Università degli studi dell’Insubria, e analizzati sulla base della qualità della proposta che hanno sviluppato in risposta ai business case commissionati da Randstad e da Enoplastic, le due aziende che hanno aderito in questi mesi all’iniziativa in collaborazione con l’Università.

Vincitore per il Project Work di Randstad, con il progetto Fabrion, il gruppo omonimo, che ha elaborato un’app che mette in contatto i candidati con Randstad attraverso la condivisione di annunci, contenuti e informazioni utili ai fini della ricerca di lavoro. Il progetto è stato ritenuto particolarmente meritevole perché nell’era della rivoluzione tecnologica e digitale e in un contesto Vuca (Volatility, Uncertainty, Complexity, Ambiguity), la vicinanza alle persone e l’immediatezza delle comunicazioni rappresentano elementi strategici, soprattutto se riferiti al target dei millennials. Randstad ha ritenuto che l’app sviluppata del team Fabrion sia completa, innovativa e rispondente alle reciproche esigenze di aziende e candidati.

Vincitore per il Project Work Enoplastic, invece, con il progetto Project for Enoplastic Eliana, che ha elaborato un piano di azioni di miglioramento chiaro che parte da un’analisi attenta della situazione esistente in azienda e del business in cui Enoplastic opera. Dando valore a quanto precedentemente fatto da altri ne ha evidenziato punti di forza e debolezza, suggerendo in modo pratico ed efficace come valorizzare i primi e rivedere i secondi utilizzando i social in maniera efficiente, sempre attenta a costi e benefici.

In tutta Italia, sono stati oltre 10.000 gli studenti registrati alla piattaforma di Samsung Innovation Camp, con un buon equilibrio tra ragazzi (46%) e ragazze (54%), a dimostrazione di un interesse per le discipline legate ai lavori digitali paritetico tra uomini e donne. Oltre agli studenti in corso, hanno partecipato con entusiasmo anche molti neolaureati, che hanno raggiunto il 25% degli iscritti totali.

I moduli e le lezioni della seconda edizione di Samsung Innovation Camp hanno offerto ai ragazzi un tipo di formazione assolutamente trasversale, rilevante indipendentemente dal corso di studi, elemento che ha ribadito ancora di più che oggi le competenze digitali sono assolutamente fondamentali in qualsiasi ambito professionale. Questo dato è confermato dal fatto che gli iscritti provengono da più di 15 aree di studio diverse: economia e finanza (30%); ingegneria (13%); scienze umanistiche (9%); scienze della comunicazione (6%); scienze giuridiche (5%); marketing (5%); scienze politiche (3%) le principali.

“Da oltre 26 anni Samsung si impegna per lo sviluppo del digitale e la diffusione della cultura dell’innovazione in Italia. E, in qualità di digital enabler, cerchiamo di offrire ai più giovani utili strumenti e competenze per affrontare al meglio il mondo del lavoro, sempre più permeato dalla tecnologia. Grazie all’alto livello di partecipazione alla seconda edizione di Samsung Innovation Camp, che stiamo riscontrando da parte degli studenti universitari in tutta Italia, comprendiamo che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, e che siamo stati in grado di costruire, insieme a nostri partner, un solido ecosistema formativo in ambito digitale, che aiuterà i ragazzi a diventare professionisti ancora più qualificati e competitivi”, commenta Mario Levratto, head of marketing & external relations di Samsung Electronics Italia.

“Innovazione, digitalizzazione, futuro: sono queste le parole chiave – commenta Marco Ceresa, amministratore delegato di Randstad Italia – che costituiscono il contesto del progetto Samsung Innovation Camp, di cui Randstad è partner. Il progetto rappresenta un esempio concreto di come le imprese possano affrontare la digital transformation e la formazione di figure nuove sul mercato. La digitalizzazione va ‘agita’ anche dalle aziende per potere offrire servizi e strumenti sempre più innovativi ed efficaci. Il nostro sistema economico deve essere sempre più competitivo ed è nostro compito valorizzare e aiutare i giovani ad affrontare le sfide future, che saranno in gran parte nel campo digitale”.

“La digital transformation non è solo un trend, è soprattutto una opportunità e una necessità che in una azienda passano anche attraverso cambiamenti culturali, tecnologici e organizzativi. Come una grande opportunità e necessita è la collaborazione con le scuole e le Università in cui l’azienda Enoplastic crede e che promuove. Ringraziamo quindi Samsung, Randstad e l’Università per averci dato l’opportunità di collaborare con i ragazzi ed essere qui oggi; ringraziamo i ragazzi per aver scelto il nostro Progetto”, aggiunge Tiziana Magnani, Hr Manager di Enoplastic Spa.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background