Parigi-Roma, un anno ad alta tensione  

Scritto da il 6 febbraio 2019

Parigi-Roma, un anno ad alta tensione

(Afp)

Pubblicato il: 07/02/2019 14:33

La Francia richiama l’ambasciatore a Roma, Christian Masset, in una mossa diplomatica senza precedenti nei rapporti fra i due Paesi, ma che arriva al culmine di una tensione diplomatica sull’asse Roma-Parigi, che il 21 gennaio scorso aveva visto la convocazione al ministero degli Esteri francese della nostra ambasciatrice a Parigi, Teresa Castaldo, dopo le parole del vice premier Luigi Di Maio sulla ‘moneta coloniale’.

Il capo politico dei grillini, durante una manifestazione del M5S in Abruzzo, aveva affermato che “la Francia continua ad avere delle colonie di fatto, con il franco”. Parigi, secondo il ministro, usa tali risorse “per finanziare il suo debito pubblico” e parallelamente “indebolisce le economie di quei paesi da dove, poi, partono i migranti”. Dichiarazioni che il Quai d’Orsay, ricevendo l’ambasciatrice, aveva definito “inaccettabili”.

Le tensioni delle ultime ore – con le dichiarazioni di ieri della portavoce del ministero per gli Affari europei, che aveva definito “una provocazione inaccettabile” l’incontro del giorno prima tra Di Maio e una delegazione di gilet gialli a sud di Parigi – costituiscono il nuovo capitolo di un rapporto che, dallo scorso anno, è stato condizionato da un confronto spesso aspro sul tema dell’immigrazione.

IL CASO BARDONECCHIA – A marzo è esploso il primo caso Bardonecchia, legato agli sconfinamenti contestati agli agenti francesi che si sono ripetuti anche in autunno. “A seguito di quanto accaduto a Bardonecchia nella serata di venerdì 30 marzo, il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha immediatamente chiesto spiegazioni alle autorità francesi, sia tramite l’Ambasciata di Francia a Roma, sia tramite la nostra Ambasciata a Parigi”, spiegava un anno fa la Farnesina.

“Non avendo ricevuto alcuna giustificazione per il grave atto (considerato del tutto al di fuori della cornice della collaborazione tra Stati frontalieri), si è deciso di convocare oggi pomeriggio, alla Farnesina, l’ambasciatore di Francia in Italia, Christian Masset”, aggiungeva il ministero degli Esteri.

All’epoca, “il Direttore Generale per l’Unione Europea, Giuseppe Buccino Grimaldi, ha rappresentato all’ambasciatore la ferma protesta del Governo italiano per la condotta degli agenti doganali francesi, ritenuta inaccettabile e ha manifestato, al contempo, disappunto per l’assenza di risposte alle nostre richieste di spiegazioni”.

LA VICENDA AQUARIUS – A giugno, invece, i toni si sono alzati in relazione alla vicenda che ha coinvolto la Aquarius. La nave, dopo la chiusura dei porti italiani, ha attraccato a Valencia. La posizione del governo italiano è stata criticata in Francia ai più alti livelli.

Il 13 giugno, quindi, il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, ha convocato alla Farnesina l’ambasciatore Masset e, data la sua assenza da Roma, ha ricevuto l’Incaricata d’Affari, Claire Anne Raulin. Moavero, come ha spiegato la Farnesina, nella circostanza “ha comunicato che il governo italiano considera inaccettabili le parole usate nelle dichiarazioni pubbliche rese” il 12 giugno “a Parigi, anche a livello governativo, sulla vicenda della nave Aquarius. Il ministro Moavero ha chiarito che simili dichiarazioni stanno compromettendo le relazioni tra Italia e Francia”.

Nella nota, venivano stigmatizzati i toni “ingiustificabili, tenuto conto che da molti mesi ormai il nostro Paese ha pubblicamente denunciato l’insostenibilità dell’attuale situazione di latitanza di un approccio coordinato e coeso a livello europeo circa la gestione dei flussi migratori, rispetto ai quali l’Italia non si è mai tirata indietro”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background