Borghi: “L’interesse nazionale è limite invalicabile in Ue”  

Scritto da il 18 febbraio 2019

Il presidente della Commissione Bilancio della Camera Claudio Borghi, della Lega, illustra e precisa, a Bruxelles a margine della European Parliamentary Week, il significato delle sue recenti affermazioni sull’opportunità che l’Italia lasci l’Ue in caso di imposizioni dall’esterno contrarie all’interesse nazionale, una posizione che “non dovrebbe essere fonte di scandalo”, dato tra l’altro che, spiega, se un Paese accettasse a priori qualsiasi imposizione esterna, in nome del “sogno europeo”, avrebbe una posizione negoziale “debolissima”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Articolo Precedente

Sabato


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background