Jacopo: “Io Alfiere della Repubblica? Un premio a tutti i volontari Unicef”  

Scritto da il 22 febbraio 2019

Jacopo Cavagna: Io Alfiere della Repubblica? Un premio a tutti i volontari Unicef

Jacopo Cavagna al Parlamento europeo

Pubblicato il: 23/02/2019 18:58

Un innato senso civico, disponibilità all’ascolto e una propensione naturale all’aiuto verso gli altri hanno fatto oggi di Jacopo Cavagna, 17 anni, liceale di Rimini, un modello positivo di cittadinanza, ovvero un Alfiere della Repubblica. Volontario dell’Unicef, complice della ricostruzione, tre anni fa, di ‘Younicef – Young for Unicef’ nella sua città, ha avuto modo di confrontarsi, grazie al progetto ‘L’Officina del futuro dei giovani, anche con i minori migranti non accompagnati. Lui con modestia dice all’Adnkronos: “L’attestato d’Onore del Presidente della Repubblica non è un riconoscimento per quello che ho fatto personalmente, corona solo gli sforzi dell’impegno di tutti i giovani volontari italiani che fanno parte della ‘grande famiglia’ Unicef. E, in questa occasione, sono felice di esserne portavoce”. Ma, parola della mamma, Sabrina Deseri, “Jacopo ha un germe di alto senso civico, da sempre, tanto da sorprenderci in taluni momenti”.

“Fin da piccolo, quando vedeva che qualche cittadino non rispettava semplici norme di comportamento, dalle strisce pedonali alla raccolta differenziata, ne parlava con noi, esprimendo il suo disappunto – spiega la mamma di Jacopo -. Ecco, ha avuto sempre un’attenzione verso la realtà circostante e il desiderio di vivere in un mondo più equo”. Tutto sommato, sono i piccoli gesti quotidiani a fare la differenza e come dice Mattarella “non dobbiamo aver timore di manifestare buoni sentimenti che rendono migliore la nostra società”. “Oggi siamo molto orgogliosi e felici per nostro figlio ma ancora increduli per una notizia giunta del tutto inaspettata”, aggiunge la signora Cavagna sottolineando che Jacopo non è l’unico ragazzo riminese premiato al Quirinale: “Tutto ciò ci onora, non solo come genitori ma anche come cittadini”.

Jacopo è convinto che basta anche un gesto, “l’impatto sull’altro”, per “attivare un circolo virtuoso e cambiare le cose. Tutti noi possiamo farlo”. E parlando di cyberbullismo e hate speech, afferma: “Anche solo parlare con i compagni di classe di questi tempi può essere un atto rivoluzionario”.

“Durante tutto l’anno insieme ad altri ragazzi del gruppo ‘Younicef – Young for Unicef’ – spiega Jacopo Cavagna riallacciandosi alla motivazione per cui ha ricevuto il riconoscimento – facciamo opera di sensibilizzazione informando i cittadini su cosa fa Unicef per i diritti dei minori, specie nelle zone di conflitto, raccogliamo fondi attraverso campagne nazionali. Con il progetto ‘L’Officina del futuro dei giovani’ ad Assisi ho fatto la mia più bella esperienza incontrando i minori migranti non accompagnati. Ma è stata anche una grande opportunità essere uno dei due giovani ambasciatori Unicef italiani chiamati a rappresentare il mio paese, a novembre scorso, al Parlamento europeo dove si è svolto il progetto Europe Kids Want, in concomitanza con la Giornata mondiale dell’infanzia. E’ stato un momento di grandissimo scambio con altri ragazzi dei paesi membri. Insieme, siamo stati portavoce delle questioni più urgenti dei giovani e abbiamo presentato delle proposte al presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani”.

Gioia per l’Attestato d’onore di nuovo ‘Alfiere della Repubblica’ a Jacopo Cavagna è stata espressa anche dal presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo: “E’ una notizia che ci rende particolarmente orgogliosi e felici, proprio perché viene premiato un ragazzo così giovane che si impegna per un futuro più giusto e solidale. I giovani rappresentano oggi il 25% della popolazione mondiale, ma il 100% del futuro”. Sono appunto, costruttori di comunità.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Articolo Precedente

Sabato


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background