“Matteo susiti”, poi il blitz: ma Messina Denaro non c’è  

Scritto da il 22 febbraio 2019

Matteo susiti, poi il blitz: ma Messina Denaro non c'è

Immagine d’archivio (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 23/02/2019 09:40

La voce è stentorea e ferma: “Matteo susiti” (“Matteo, alzati” ndr). E’ il 24 marzo 2016 e gli investigatori stanno intercettando un uomo nella sua auto nelle campagne di Campobello di Mazara, in provincia di Trapani. L’auto si avvicina nei pressi di una casa rurale, gli investigatori sentono i rumori di un portone metallico e poi quell’invito ad alzarsi in dialetto.

A pronunciare la frase è uno degli arrestati del blitz ‘Mafiabet’ di venerdì nel trapanese. Per i carabinieri quel Matteo è Messina Denaro, la primula rossa di Cosa nostra ricercato dal 1993. Scatta subito il blitz dei militari dell’Arma ma va a vuoto: non c’è alcun indizio di Messina Denaro. Iniziano però da lì le indagini che sono sfociate nell’operazione compiuta venerdì.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background