“Pamela era borderline”  

Pubblicato da in data 12 Marzo 2019

Pamela borderline grave e dipendente da droga

(Facebook /Pamela Mastropietro)

Pubblicato il: 13/03/2019 10:36

Pamela Mastropietrovenne da noi con una diagnosi borderline grave e dipendenza da sostanze stupefacenti . E’ arrivata con una situazione clinica molto complessa“. Lo ha affermato Giovanni Di Giovanni, psichiatra e consulente per la comunità Pars di Corridonia, dalla quale si allontanò Pamela Mastropietro, ascoltato nel corso dell’udienza in corso davanti alla Corte di Assise di Macerata che vede imputato Innocent Oseghale per la morte della 18enne romana, poi uccisa e fatta a pezzi a Macerata.

Lo psichiatra ha raccontato che intorno “al 7 dicembre 2017 Pamela iniziò ad avere delle note depressive” tanto che gli fu somministrato un altro farmaco. Si iniziò un “progetto, si fece in modo che la ragazza riprendesse gli studi, un programma terapeutico finalizzato ad obiettivi con un significato emozionale. Il problema iniziò a sorgere verso il 26 dicembre quando è stato riferito”, ha continuato il consulente della comunità, che la ragazza “si induceva vomito e si era fatta delle autolesioni“.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background