Milano: un’escape room per presentare un giallo, se vuoi uscire risolvi l’enigma  

Pubblicato da in data 19 Marzo 2019

Pubblicato il: 20/03/2019 20:03

Se gli autori di narrativa non sanno più che inventarsi per sorprendere i propri lettori, neppure gli editori si tirano indietro per promuovere i loro libri. Lo dimostra un’originale iniziativa a Milano per il lancio di un giallo: il libro è “Le sette morti di Evelyn Hardcastle” dello scrittore inglese Stuart Turton, l’editore Neri Pozza. E fin qui, tutto normale. Il clima è molto inglese, neanche a dirlo.

Dove le cose cambiano è nella presentazione che avviene in un’escape room -ossia in una ‘stanza di fuga’- da cui, per poter uscire, occorre risolvere l’enigma e trovare l’assassino. Per far questo se ne aprirà una temporanea, costruita appositamente sulla trama del romanzo, grazie alla collaborazione tra la casa editrice e The Impossible Society.

L’escape room è un luogo dove un gruppo di persone (da tre fino a otto) viene rinchiuso, volontariamente, con lo scopo di uscirne, attraverso la risoluzione di enigmi disseminati nella stanza. Una specie di videogame reale, dove poter misurare la propria abilità di detective a caccia d’indizi.

Un invito a un ballo, tanti ospiti, un misterioso omicidio e un’ora di tempo per risolvere il mistero: chi ha ucciso la bella Evelyn Hardcastle? Sessanta minuti di tempo per mettersi alla prova e trovare la chiave per uscire dallo studio di Blackheath House. Quadri e specchi alle pareti, librerie e scaffali, suppellettili, vecchie foto, soprammobili e oggetti, tutti ispirati alla trama del romanzo.

E poi cassetti e bauli bloccati da lucchetti a combinazione di ogni tipo e dimensione. Solo risolvendo un enigma dopo l’altro si potrà arrivare ai codici che li aprono. Grazie a un certosino lavoro di squadra si riuscirà a sbloccare la porta d’ingresso. Il libra sarà poi disponibile per l’eventuale acquisto al termine dello svolgimento del gioco.

Turton è laureato in filosofia, ha lavorato in una libreria di Darwin (in Australia), insegnato inglese a Shanghai, collaborato per una rivista di tecnologia a Londra, scritto articoli di viaggio a Dubai. Ora è un giornalista freelance al suo primo romanzo. Uscirà il 28 marzo, ma già dal 21 marzo -e fino al 31 luglio- gli appassionati di misteri potranno misurarsi con le atmosfere di Blackheath House, maestosa residenza di campagna dove è ambientata l’azione.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background