Borsa: Europa chiude sotto la parità/il Punto  

Scritto da il 21 marzo 2019

Chiude in rosso Piazza Affari

(Fotogramma)

Pubblicato il: 22/03/2019 19:13

Chiusura sotto la parità per l’azionario europeo in una seduta condizionata dalle indicazioni macroeconomiche e da quelle arrivate dal mercato obbligazionario. Per quanto riguarda l’economia reale, risultati sotto le stime dagli indici PMI di Zona Euro e Stati Uniti: nel primo caso il dato relativo il manifatturiero si è confermato sotto quota 50 (che separa espansione e recessione dell’attività economica) passando da 49,3 a 47,6 punti mentre per quanto riguarda il comparto servizi è sceso da 52,8 a 52,7 punti. Segno meno anche per i corrispondenti dati a stelle e strisce, rispettivamente a 52,5 e 54,8 punti.

Notizie non positive sono arrivate anche dal mercato dei titoli di Stato. Nonostante le rassicurazioni arrivate dalla Federal Reserve, gli operatori credono che l’inversione a U varata dall’istituto guidato da Jerome Powell (che mercoledì ha fatto sapere che i tassi non saranno toccati nel corso del 2019) sia da ricondurre a prospettive sui prossimi mesi all’insegna della debolezza. Di conseguenza, la curva dei tassi statunitense, e nello specifico il differenziale tra il rendimento del Bond a tre mesi e quello a 10 anni, ha registrato un’inversione (il titolo a tre mesi rende più del 10 anni) per la prima volta dal 2007 (gli investitori scommettono sulla debolezza dell’economia e su tassi più bassi in futuro).

L’avversione al rischio ha spinto il rendimento del decennale tedesco in territorio negativo per la prima volta dal 2016. Lo spread con i titoli italiani segna un rialzo di oltre 3 punti a 248 punti base. Sul valutario, eurodollaro in calo a 1,1289, -0,74% rispetto al dato precedente.

Il listino principale di Piazza Affari, il Ftse Mib, ha terminato in calo dell’1,38% a 21.078,76 punti. Particolarmente penalizzate le banche: UniCredit ha terminato in rosso del 4,53%, Intesa Sanpaolo del 2,64%, Banco BPM del 4,35% e Bper dell’1,38%.

Vendite anche su Pirelli (-1,98%), tornata sotto quota 6 euro all’indomani del ritorno di Intesa Sanpaolo nell’azionariato, e prese di beneficio su STM (-2,22%).

Tra i pochi segni più spicca il +0,97% di Enel, che ha chiuso il 2018 con un utile netto in crescita del 26,7% a 4.789 milioni di euro. Il Cda proporrà al distribuzione di un dividendo di 0,28 euro. Seduta positiva anche per Tenaris (+2,71%), spinta dall’annuncio dell’acquisizione dell”americana Ipsco per 1,2 miliardi di dollari. (in collaborazione con money.it)


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background