Europee, Lega stabile. Cala Pd  

Scritto da il 17 aprile 2019

Europee, Lega stabile. Cala Pd

(Afp)

Pubblicato il: 18/04/2019 11:10

La Lega resta la prima delegazione italiana, e la seconda dell’intero Parlamento Europeo dopo la Cdu-Csu tedesca, con 26 seggi, stabile rispetto a fine marzo. Guadagna terreno il Movimento Cinque Stelle, da 17 a 18 seggi, mentre cala il Pd, da 17 a 16 seggi. E’ la fotografia fatta da Kantar Public per il Parlamento Europeo, nelle proiezioni basate su sondaggi nazionali sull’attribuzione dei seggi nelle prossime elezioni europee, le ultime ad essere pubblicate prima del voto, dopo che nella conferenza dei presidenti sono state sollevate forti obiezioni alla diffusione delle stime da parte dell’Aula.

Questa volta, a differenza delle edizioni precedenti, le stime includono il Regno Unito, dato che la prossima data per la Brexit è fissata per il 31 ottobre e, quindi, gli eurodeputati britannici parteciperanno alle elezioni europee. L’ingresso degli eurodeputati del Regno Unito comporta un ricalcolo dei seggi, poiché, mentre con la Brexit sarebbero stati in tutto 705 (e l’Italia ne avrebbe guadagnati tre), ora, senza Brexit, rimangono 751. Pertanto, le proiezioni sui seggi di fine marzo sono state ricalcolate includendo la presenza del Regno Unito, e su quella base viene fatto ora il paragone, rispetto alla situazione attuale nel Parlamento Europeo (e non rispetto ai risultati del 2014, dato che nel frattempo la composizione dei gruppi ha subito delle variazioni).

Va tenuto presente che il Movimento Cinque Stelle aveva portato a Bruxelles nel 2014 17 deputati: ora sono 11, perché tre sono usciti sia dal M5S che dal gruppo (Marco Zanni è andato nell’Enf, Marco Affronte nei Verdi e David Borrelli nei Non Iscritti) e altri tre sono usciti dal M5S ma restano nel gruppo Efdd (Daniela Aiuto, Giulia Moi e Marco Valli). Secondo le nuove proiezioni, resta stabile la delegazione italiana nell’Ecr (4 deputati, come a fine marzo) e nel Ppe (9). L’Italia resta assente da ben tre gruppi parlamentari: Verdi/Ale, la sinistra della Gue/Ngl e i liberaldemocratici dell’Alde.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Articolo Precedente

Sabato


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background