Caso Pamela, nuova perizia non si farà  

Scritto da il 23 aprile 2019

Caso Pamela, nuova perizia non si farà

Pubblicato il: 24/04/2019 11:53

dall’inviata Sara Di Sciullo

Non si farà la nuova perizia chiesta dalla difesa di Innocent Oseghale, imputato nel processo per la morte di Pamela Mastropietro , la ragazza romana fatta a pezzi a Macerata il 30 gennaio dello scorso anno. Lo ha deciso la Corte di Assise di Macerata nel corso dell’udienza di stamattina. Gli avvocati del nigeriano, Simone Matraxia e Umberto Gramenzi, avevano chiesto di disporre la nuova perizia per maggiori accertamenti sui campioni relativi alle ferite riscontrate sui resti della giovane e in particolare sulle due lesioni al fegato che secondo l’accusa sono frutto delle coltellate inferte alla ragazza da viva mentre per la difesa non vi è certezza e potrebbero essere anche state fatte post mortem. La Corte si era riservata e oggi ha sciolto la riserva respingendo la richiesta della difesa. La nuova perizia quindi non si farà.

LEGALE DELLA FAMIGLIA – “Era quello che ci aspettavamo perché secondo noi l’istruttoria dibattimentale era stata più che sufficiente a togliere alcuni dubbi” e “ad escludere la morte di Pamela per overdose, a confermare la morte per le coltellate” ha detto l’avvocato Marco Valerio Verni, legale della famiglia di Pamela. “Noi non ci eravamo opposti” alla eventuale nuova perizia, ha ricordato Verni, “consapevoli della bontà del lavoro peritale svolto” e del fatto che “se la Corte avesse avuto dei dubbi eravamo favorevoli perché se li togliesse”. “Il presidente della Corte – ha osservato Verni – ha anche affermato che a prescindere dalla richiesta della difesa, la Corte stessa avrebbe potuto disporre una perizia di ufficio: non avendola disposta – ha concluso Verni – riteniamo non abbia dubbi in merito”.

LEGALE DI OSEGHALE – “Io credo che all’esito della audizione dei consulenti delle parti sia emerso il dubbio in merito alle cause della morte tanto che la procura aveva avallato inizialmente la richiesta di una superperizia, addirittura formulando un autonomo quesito. Questo rende evidente che la causa della morte non è stata accertata in maniera certa” ha detto l’avvocato Simone Matraxia, insieme all’avvocato Umberto Gramenzi legale di Oseghale. La difesa di Oseghale non si è mostrata sorpresa della decisione della Corte soprattutto alla luce del fatto che, nei giorni scorsi, la procura di Macerata aveva revocato il proprio parere, inizialmente favorevole, ad effettuare i nuovi accertamenti per chiarire meglio se le ferite al fegato fossero state inferte da viva. Un ‘no’ alla nuova perizia, ha aggiunto l’avvocato Gramenzi, “era una decisione nell’aria” e ce la aspettavamo “soprattutto dopo che la procura aveva revocato, con una memoria scritta, la propria richiesta istruttoria. Non dimentichiamoci – ha infatti sottolineato – che le richieste istruttorie sono state due: una avanzata dalla difesa e l’altra dalla procura”. Secondo la “Corte quello che è emerso nel corso del dibattimento è sufficiente per addivenire a sentenza”, ha osservato l’avvocato. Tuttavia secondo Gramenzi la decisione di oggi “lascia spazio alla difesa anche per il proseguo”. Potrebbe essere un elemento su cui la difesa potrà lavorare per un eventuale appello in caso di condanna dell’imputato? “Certamente. Comunque in sede di discussione qualche dubbio era stato ventilato dalla stessa procura”, ha continuato il legale ribadendo l’iniziale ok da parte dell’accusa a disporre altri accertamenti.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Articolo Precedente

Sabato


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background