Gara Consip Fm4, Antitrust: multa 235 mln a imprese accusate cartello  

Pubblicato da in data 9 Maggio 2019

Gara Consip Fm4, Antitrust: multa 235 mln a imprese accusate cartello

Pubblicato il: 10/05/2019 15:17

Scure dell’Antitrust sulle imprese accusate di aver partecipato ad un cartello per la maxi-gara Consip da 2,7 miliardi di euro battezzato Fm4, Facility management 4, per la gestione di servizi, pulizia e manutenzione degli uffici pubblici in tutta Italia.

Una sanzione da 235 milioni di euro quella comminata dall’authority alle società nel mirino, da Cns, Consorzio nazionale servizi società cooperativa a Consorzio stabile energie locali a Engie Servizi (già Cofely Italia) in solido con la controllante Engie energy services international, Exitone in solido con la società Gestione Integrata e con le controllanti Sti e Finanziaria Bigotti, Kuadra (in liquidazione) in solido con la controllante Esperia, Manital società consortile per i servizi integrati per azioni consorzio stabile in solido con la controllante Manitalidea, Rekeep spa (già Manutencoop Facility Management), Romeo Gestioni in solido con la controllante Romeo Partecipazioni.

Non è invece stato accertato alcun illecito nei confronti delle società Dussmann Service e della controllante Dussmann Service Holding Gmbh, e Siram e della controllante Veolia energie international.

Nel dettaglio l’autorità per la Concorrenza ritiene che la concertazione tra queste società abbia riguardato la ripartizione dei lotti di gara tra cinque compagini. In particolare, Cns (in Ati con Exitone e Kuadra), Manutencoop Facility Management, Manital e Romeo, attraverso una partecipazione alla gara secondo una modalità ‘a scacchiera’, si sarebbero aggiudicate i lotti di rispettivo interesse, nella migliore combinazione possibile tra lotti ordinari e lotti accessori consentita dalla disciplina di gara; l’Ati Cofely-Csel, anche grazie ai legami con il gruppo Sti, è stata designata nell’ambito del cartello quale assegnataria di parte dell’appalto complessivo.

Un illecito che “si è realizzato anche attraverso un utilizzo distorto del raggruppamento temporaneo d’imprese, degli affidamenti in subappalto e dello strumento consortile”, spiega l’Antitrust, neutralizzando il confronto competitivo tra le parti nei vari lotti geografici posti a gara e compromettendo irrimediabilmente il fisiologico gioco concorrenziale che si sarebbe dovuto instaurare, in danno delle pubbliche amministrazioni committenti.

Intanto da parte sua la società Reekep annuncia a stretto giro di posta il ricorso al Tar contro quello che giudica un provvedimento basato su motivazioni “destituite di ogni fondamento, escludendo l’esistenza di un “presunto accordo collusivo”.

Inoltre Rekeep giudicando “ingiustificato e sproporzionato il provvedimento comminato”, fa sapere che lo impugnerà davanti al Tar del Lazio, presentando contestuale istanza cautelare per la sospensione del pagamento della sanzione. Il gruppo chiarisce infine che la decisione dell’Antitrust non avrà alcuna ricaduta sui bandi futuri, spiegando che c’è ampia normativa in materia in base alla quale la società può continuare a partecipare ad altri bandi di gara.

Da parte sua Cns ha invece fatto sapere che la decisione dell’Antitrust “si collega alla proattiva collaborazione del nuovo management insediatosi nel 2015 e di tutta l’organizzazione del nuovo Cns che ha avviato e concretizzato un self cleaning profondo e strutturale” e che nel caso della società si prevede uno sconto sulla sanzione pecuniaria del 50% dell’importo complessivo.

I fatti, precisa il gruppo, “risalgono ad epoca antecedente l’insediamento del nuovo management, che peraltro nel 2016, prima dell’avvio del procedimento antitrust, decideva di non confermare le offerte per FM4”. Pertanto, alla luce delle scelte compiute, Cns “conferma il possesso di tutti i requisiti morali economici e finanziarti necessari a partecipazione alle gare d’appalto e a perseguire i propri obiettivi di sviluppo”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background