L’Atalanta vola  

Pubblicato da in data 10 Maggio 2019

L'Atalanta vola

(Afp)

Pubblicato il: 11/05/2019 17:07

L’Atalanta vede sempre più vicino il traguardo Champions League, nell’anticipo della 36esima giornata di Serie A, disputato al Mapei Stadium di Reggio Emilia, i nerazzurri superano 2-1 il Genoa grazie alle reti nella ripresa di Barrow al 46′ e Castagne al 53′. Per i rossoblù gol di Pandev all’88’. In classifica la squadra di Gasperini scavalca momentaneamente l’Inter a 65 punti mettendo tra sé e le quinte, Milan e Roma, 6 punti in attesa dei match delel avversarie rispettivamente contro Fiorentina e Juventus.

A 2 giornate dal termine salvezza ancora da conquistare per il Genoa fermo a 36 punti, 4 in più dell’Empoli terzultimo che domani a Marassi affronterà la Sampdoria. La prima occasione degna di nota della gara è di marca genoana con un tiro da fuori di Radovanovic al 5′ che non trova lo specchio della porta. Tre minuti dopo i nerazzurri vanno in gol, Gosens, dopo un tiro di Castagne respinto dal portiere, insacca ma l’arbitro annulla per un fuorigioco di Zapata. Ancora un gol annullato per l’Atalanta al 18′, Zapata parte sul filo del fuorigioco e a tu per tu con Radu insacca ma il Var conferma la segnalazione di offside del guardalinee. Al 26′ ci prova Veloso, su una corta respinta di un difensore, la conclusione bassa non inquadra la posta.

Le due squadre si allungano un po’ lasciando spazi ai giocatori delle due squadre nelle ripartenze. Colpo di testa di Veloso e palla deviata in angolo. Sul conseguente corner potenziale occasione per i padroni di casa con Ilicic pescato da Palomino a centrocampo, provvidenziale la chiusura di Biraschi ultimo uomo. Ancora Ilicic poco dopo, lo sloveno si gira dal limite ma la conclusione è fuori misura. Genoa in avanti, Kouame pesca Lapadula in area, l’attaccante la schiaccia di testa ma non trova la porta. Nel finale di tempo conclusione da fuori area di Veloso con Gollini devia in angolo un tiro destinato all’angolino basso.

A inizio ripresa cambio per Gasperini, dentro Barrow per Pasalic. Al primo pallone giocato l’attaccante gambiano riceve un pallone profondo da De Roon, Barrow elude la marcatura di Zukanovic e con un rasoterra preciso supera Radu che tocca ma non riesce a trattenere la sfera che si insacca. Prandelli ridisegna la squadra gettando nella mischia Pandev per Lerager. Occasione di Lapadula, la palla viene deviata in angolo. Su corner Zukanovic prova la deviazione vincente ma manda alto.

Al 53′ il raddoppio atalantino: Djimsiti serve Castagne con un rasoterra che taglia l’area e trova solo e indisturbato il compagno piazzato nell’area piccola, Castagne non sbaglia e firma il 2-0. Nel Genoa fuori Zukanovic per Pereira. Ci prova Lapadula: il tiro al volo sorvola la traversa. Occasione al 60′ per Ilicic che va sul fondo e la mette al centro ma la difesa spazza. Ancora Atalanta con Barrow, Radu blocca in due tempi. Il gambiano si infortuna ed è costretto ad uscire, al suo posto Pessina.

Nel finale di gara occasione per Gosens che di destro spreca da buona posizione, ci prova anche Zapata dal limite, alto. All’82 palla gol di Lapadula di testa ma Gollini in tuffo allontana la conclusione destinata all’angolino basso. Quattro minuti più tardi è sempre Lapadula ad avere una occasione su un suggerimento profondo l’attaccante di testa supera Gollini ma non riesce poi a ribadire in rete. All’88’ il Genoa accorcia le distanze, Romero di tacco libera Pandev che di sinistro la piazza alle spalle di Gollini. Nel finale brividi per il pubblico atalantino per un tiro del genoano Bessa potente ma impreciso. Dopo 4 minuti di recupero arriva il triplice fischio dell’arbitro per un successo pesantissimo in chiave Champions della squadra di Gasperini.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background