Borsa: lo spread non spaventa Piazza Affari  

Pubblicato da in data 13 Maggio 2019

Lo spread non fa paura, Piazza Affari positiva

(Fotogramma)

Pubblicato il: 14/05/2019 18:22

Chiusura ai massimi intraday per le borse europee, penalizzate in avvio di settimana dall’escalation della tensione sull’asse Pechino-Washington. Trump, sempre più a suo agio nel ruolo di market mover, ha detto che nell’ambito del G20 di giugno in Giappone incontrerà il leader cinese Xi Jinping.

A Piazza Affari il Ftse Mib ha terminato a 20.892,66 punti, +1,45% sul dato precedente nonostante anche oggi il differenziale di rendimento, il c.d. spread, con i titoli tedeschi abbia fatto registrare un aumento spingendosi in quota 281,2 punti base, +1,85% rispetto al dato precedente. Alle ormai “solite” tensioni all’interno della maggioranza di governo, oggi si sono aggiunte le dichiarazioni del Ministro dell’interno. “Fino a che nel nostro Paese la disoccupazione non sarà dimezzata, fino a che non arriveremo al 5%, spenderemo tutto quello che dovremo spendere”, ha detto Salvini, che ha aggiunto “se servirà infrangere alcuni limiti del 3%, del 130-140%, noi tiriamo dritti”. “E se qualcuno a Bruxelles si lamenta, ce ne faremo una ragione”.

Sul paniere principale svetta Prysmian con un +7,18% in scia dei conti trimestrali e della conferma della guidance. Denaro anche su STM (+6,68%) e Ferrari (+3,31%) spinte dall’allentamento delle tensioni commerciali. Nel comparto bancario, -1,69% di UniCredit dopo la diffusione dell’indiscrezione secondo cui l’istituto di Piazza Gae Aulenti avrebbe nominato gli advisor finanziari per studiare l’ipotesi di un’eventuale integrazione con Commerzbank, e +1,96% di Finecobank in scia dell’incremento della quota detenuta dalla statunitense Blackrock, passata dal 5,909 al 7,25 per cento.

Acquisti anche su Eni (+1,26%) dopo l’annuncio di una nuova scoperta nell’offshore dell’Angola e in scia del +1,55% messo a segno dal Brent, in aumento a 71,3 dollari il barile. Safilo (+4,04%) invece ha capitalizzato l’accordo decennale di licenza eyewear con David Beckham.

Uno dei pochi segni meno all’interno del Ftse Mib è stato registrato da Campari (-0,76%) penalizzata dal collocamento di azioni rivenienti da stock option da parte di dipendenti (tra cui il Ceo e il Cfo). Lettera anche su Geox (-2,65%) dopo previsioni 2019 giudicate troppo conservative. (in collaborazione con money.it)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background