Agguato in ospedale  

Pubblicato da in data 16 Maggio 2019

Agguato in ospedale

(Fotogramma)

Pubblicato il: 17/05/2019 09:52

Notte di paura all’ospedale Pellegrini di Napoli, dove un 22enne, V.R., è giunto con delle ferite di arma da fuoco alle gambe. Il giovane è stato trasportato da alcuni ragazzi e al suo arrivo, un uomo armato di pistola e con il volto coperto da un casco ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco in direzione del cortile dell’ospedale, presumibilmente proprio all’indirizzo del 22enne, che per fortuna non è stato colpito. Sull’accaduto indagano i carabinieri.

Le condizioni cliniche generali del paziente sono stabili, fa sapere l’ospedale e “non vi sono deficit vascolari in atto”. Le ferite gli hanno invece causato due fratture. “Voglio esprimere solidarietà ai colleghi che questa notte hanno vissuto momenti di paura mentre erano impegnati a fare il proprio lavoro” dice Silvestro Scotti, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. “Un episodio quello vissuto al Pellegrini – aggiunge Scotti – che deve essere stigmatizzato con decisione e che deve vedere una forte risposta da parte delle più alte cariche dello Stato, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tra aggressioni e intimidazioni, si lavora ormai in condizioni proibitive”, conclude.

Anche Filippo Anelli, presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) lancia un appello per dire “basta alla violenza negli ospedali”. “Così i medici non possono più lavorare, non è garantita la loro sicurezza e questo mette a rischio anche l’assistenza dei pazienti – spiega all’Adnkronos Salute -. Gli operatori sanitari garantiscono un diritto prescritto dalla Costituzione, occorre più sicurezza. Se perdono tranquillità il rischio clinico aumenta”.

“Ci sono proposte di legge che prevedono anche un posto di polizia fisso negli ospedali – ricorda Anelli – è evidente che la noma sulla sicurezza degli operatori sanitari vada accelerata e vada costituito in tempi rapidi l’Ossevatorio sulla violenza sulle professioni sanitarie perché si concordi con le varie federazioni quali sono gli strumenti più utili da mettere subito in campo”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background