Archeologia: ad Ostia antica riaprono le antiche botteghe con ‘OStiensia’  

Pubblicato da in data 16 Maggio 2019

A Ostia Antica riaprono le antiche botteghe

Pubblicato il: 17/05/2019 18:26

Domani e domenica dalle 10 alle 18, Ostia antica si risveglia: decine di rievocatori in tuniche variopinte riaprono le botteghe e liberano gli schiavi anziani (manumissio) per poi acquistarne di nuovi, vigorosi e certificati dal controllo medico. Dopo il mercato e la frumentatio (il reddito di cittadinanza dell’epoca) si abbandonano alle danze e alle libagioni di birra, pane e garum, per assistere satolli all’incontro di pugilato. E’ tutto questo lo spettacolo ‘OStiensia – Il risveglio di Ostia Antica’ durante il quale le strade più commerciali dell’antica colonia romana si rianimano dal mattino.

Gli artigiani, allestite le botteghe all’interno delle tabernae, saranno intenti a lavorare legni, marmi, laterizi e metalli ma volentieri spiegheranno i mestieri dei romani ai visitatori. Li coinvolgeranno nel comporre un mosaico o stendere un affresco. Tra tutti gli artigiani, ci sarà anche il pistor, panettiere provvisto di macina e forno (in via dei Molini); e nella via di Diana e dei Balconi ci sarà il lancio degli alea, i dadi con i quali anche l’imperatore Augusto si dilettava a giocare.

Oltre che nelle numerose botteghe aperte, i visitatori, cui sarà consegnata una cartina di orientamento per trovare i rievocatori, potranno scorrazzare per la città antica e godere di almeno quattro momenti di spettacolo organizzati dall’associazione Suadela a partire dalle 11.30 e, in replica, dalle 15.30: il Mercato degli Schiavi nel Foro, starring i muscolosi prigionieri daci e qualche giovane iberica; l’intervento medico nell’ambulatorio della via di Diana; la frumentatio o distribuzione di grano nella piazza dei Lari; il pugilatus, sempre in piazza dei Lari (solo domenica 19).

‘OStiensia – Il risveglio di Ostia Antica’ esibisce la vita quotidiana di Ostia, quando la prima colonia romana era un porto aperto sul Mediterraneo che disponeva di merci appena arrivate dalle province africane, o dalla Gallia e dalla Provenza. Metalli, tessuti, stoviglie, colori, ingredienti alimentari, marmi pregiati; destinati in parte a Roma e in parte alla trasformazione e vendita presso le botteghe ostiensi. Non manca il lavoro per gli artigiani: tanto che a Ostia antica aprono bottega anche di sabato e domenica, sulla via di Diana, su via dei Balconi, su via dei Molini e persino sulla piazze del Foro e dei Lari. Ogni taberna presenta un allestimento storico: drappi, strumenti tecnici e tavoli per lavorare e per esporre i manufatti storici realizzati a scopo divulgativo ma con maniacale accuratezza filologica.

‘Il risveglio di Ostia Antica è offerto gratuitamente ai visitatori dal parco archeologico di Ostia antica, grazie ai rievocatori dell’associazione culturale Suadela. Gli scavi di Ostia Antica sono in viale dei Romagnoli 717 e dispongono di un ampio parcheggio gratuito all’ingresso. Il biglietto per gli Scavi costa 10 euro.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background