Porti: portuali Piombino, ‘deserto su banchine, risposte veloci o traffici vanno altrove’  

Pubblicato da in data 19 Maggio 2019

Portuali Piombino: Deserto su banchine, risposte veloci o traffici altrove

(Fotogramma)

Pubblicato il: 20/05/2019 18:49

“Dopo la sciagurata scelta di sopprimere l’Autorità Portuale di Piombino accorpandola a quella di Livorno, con il conseguente allontanamento dalla nostra città delle strutture decisionali, assistiamo ancora al deserto sulle nuove banchine e sui nuovi piazzali realizzati da ormai tre anni, durante i quali nessuna attività e nessun posto di lavoro è stato creato. Aziende livornesi e genovesi hanno ottenuto una pre-concessione e la immediata disponibilità di quelle aree fin dal settembre 2016 e vi hanno solo depositato i cassoni della Concordia, nient’altro. Continuano a dire che attendono ancora le autorizzazione da parte dell’Autorità Portuale. Dopo tre anni. Non è possibile continuare così”. E’ l’allarme lanciato da Carlo Torlai, presidente della Società Cooperativa Compagnia Portuali di Piombino.

“Ci sono altre richieste di concessione per intraprendere nuove attività capaci di generare sviluppo ed occupazione, ed altri soggetti interessati a fare attività su quelle banchine e su un’altra parte di quelle aree. Perché in 300 mila metri quadri ci possono stare molte attività , che creano tanti posti di lavoro. Ci vogliono risposte immediate”, chiede Torlai.

“Oggi , visto che su tutti i programmi elettorali dei candidati a Sindaco di Piombino si ribadisce che lo sviluppo del porto deve essere uno dei più importanti motori dell’economia e dell’occupazione, chiediamo a tutti – dice ancora Torlai – uno sforzo per far sentire la voce del porto e della città all’interno della nuova Autorità di Sistema Portuale, che ha sede a Livorno”.

“Abbiamo bisogno di autorizzazioni, di risposte veloci e concrete, i tempi dell’economia e dello sviluppo non si sposano più con i tempi della burocrazia, di questa burocrazia. I traffici marittimi interessati al nostro porto se non ricevono risposte veloci se ne vanno da un’altra parte dove invece le risposte le ricevono”, avverte Torlai.

“Per questo chiediamo a gran voce ai vertici dell’Autorità Portuale una forte velocizzazione dei tempi e alla politica locale di mettere in campo un intervento ed una presenza forte sui tavoli della gestione e della programmazione dell’Autorità stessa, tavolo al quale dovrebbero sedere i Sindaci in prima persona”, conclude Torlai.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background