Strage Bologna, c’è un’altra vittima? Il Dna scioglierà il giallo  

Pubblicato da in data 21 Maggio 2019

Strage Bologna, c'è un'altra vittima? Il Dna scioglierà il giallo

(FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 22/05/2019 12:23

La Corte d’Assise di Bologna ha disposto un esame del dna sui resti di Maria Fresu, che perse la vita il 2 agosto 1980 alla Stazione di Bologna assieme alla figlia Angela di appena 3 anni. I resti della donna sono stati recentemente riesumati e la perizia è stata disposta nell’ambito del processo all’ex Nar Gilberto Cavallini, imputato per concorso nell’attentato alla stazione di Bologna.

La richiesta, avanzata dalla difesa di Cavallini, è legata a una “disomogeneità” tra i resti attribuiti alla vittima nel 1980 e quelli campionati dopo la riesumazione, che ha avuto luogo il 25 marzo presso il cimitero di Montespertoli (Firenze). Per l’esame è stato nominato un esperto del Ris di Roma. I resti si trovavano in una piccola bara e non chiusi in appositi contenitori chimici.

Del corpo di Maria Fresu fu ritrovato poco o nulla: una mano con 3 dita, uno scalpo con lunghi capelli neri, un osso mandibolare con tre denti, le due arcate sopraccigliari e un occhio. Resti che sono stati riesumati nelle scorse settimane dai periti incaricati dalla magistratura di un nuovo accertamento tecnico sugli esplosivi e che, sottoposti all’esame del Dna, potrebbero mettere fine al giallo dell’86esima vittima, chiarendo definitivamente se siano appartenuti o meno effettivamente alla giovane mamma.

Quando esplose la bomba, Maria Fresu si trovava nella sala d’aspetto accanto alla figlia Angela, e a due amiche, Verdiana Bivona e Silvana Ancillotti, con cui si apprestava a partire per una vacanza in Trentino. Silvana Ancillotti sopravvisse all’esplosione e potè poi raccontare che in quel momento le tre amiche e la bimba erano una accanto all’altra. Lei rimase ferita, Verdiana Bivona e la piccola Angela Fresu morirono travolte dal crollo di una parte dell’edificio, non per l’effetto diretto dell’esplosione, né per le ustioni. Maria Fresu, invece, sarebbe stata disintegrata.

Ad attribuire quei pochi resti alla Fresu fu un medico, il professor Pappalardo, che, all’epoca, per far quadrare i conti che non tornavano sul gruppo sanguigno della ragazza, parlò di “secrezione paradossa”, una tesi che anni dopo sarà giudicata astrusa e infondata da altri ematologi. Da qui l’interrogativo, posto nel libro ‘I segreti di Bologna’ del giudice Rosario Priore e dell’avvocato Valerio Cutonilli (Chiarelettere, 2016): se quei resti non appartengono alla Fresu e nessuno dei cadaveri delle donne sfigurate aveva un gruppo sanguigno compatibile, potrebbero quei resti appartenere a una ottantaseiesima vittima mai identificata?


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background