“Su politici diagnosi inopportune”, neurologo Sorrentino contro Recalcati  

Pubblicato da in data 21 Maggio 2019

Su politici diagnosi inopportune, neurologo Sorrentino contro Recalcati

Massimo Sorrentino (Foto Ipa/Fotogramma)

Pubblicato il: 22/05/2019 13:12

Neurologo contro psicoanalista. Rosario Sorrentino boccia senza appello quelli che definisce “giudizi clinici ‘live'” di Massimo Recalcati riferiti ai politici che “non gli piacciono”. Da ultimo quello espresso su radio Capital su ‘Salvini- Zorro’. “Trovo piuttosto bizzarra -sottolinea il neurologo Sorrentino all’Adnkronos- la puntualità e la modalità con cui Massimo Recalcati utilizzi il suo tempo, che immagino sia molto prezioso, a distribuire etichettature, profili di personalità e giudizi clinici ‘live’ estemporanei, a questo o a quel politico o a quei partiti a lui evidentemente indigesti. E che lo faccia da una postazione insolita , con un ‘lessico’ attraverso cioè categorie di pensiero e di parole di tipo ‘tecnico’, fumettistico-mitologico, che rischiano di sminuire il valore della dottrina a cui lui appartiene”.

“Perché -aggiunge Sorrentino- sono valutazioni, ‘diagnosi’ inopportune che fanno riflettere su chi le pronuncia. Tutto ciò, a mio modesto parere, trova la sua spiegazione nel narcisismo e nella eccessiva autoreferenzialità, entrambi molto diffusi nella cultura contemporanea. Lasciamo che le diagnosi sulle persone rimangano confinate nel ‘setting’ nell’ambito terapeutico, fuori cioè dagli scenari mediatici. Una cosa è fare politica, altra è usare giudizi clinici indirizzati ai propri avversari, mettendoli a servizio della politica”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Articolo successivo

Controesodo da incubo  


Thumbnail
Articolo precedente

Fico resta alla Camera  


Thumbnail
Traccia corrente

Titolo

Artista

Background