Ricerca, Irbm e Cnccs: “Denuncia in procura a tutela nostra attività scientifica”  

Pubblicato da in data 24 Maggio 2019

Ricerca, Irbm e Cnccs: Denuncia in procura a tutela nostra attività scientifica

(Fotolia)

Pubblicato il: 25/05/2019 16:18

Irbm spa e Cnccs scarl hanno presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma a tutela della reputazione delle aziende e dell’attività scientifica e dei propri scienziati. “E’ sconcertante che proprio alla vigilia di un importante annuncio relativo alla scoperta della molecola che può eradicare l’Epatite B – dichiara Piero Di Lorenzo, presidente dell’Irbm – organi di stampa, strumentalmente attivati nell’ambito di una ormai chiara strategia associativa, riportino frasi e concetti che mettono in discussione la correttezza gestionale e la reputazione scientifica dell’Irbm e del Consorzio Cnccs. Non permetteremo a nessuno di infangare per opachi motivi, che spetterà alla magistratura chiarire, il prestigio di un Centro di ricerca che è considerato una eccellenza del Paese e può vantare risultati scientifici come la messa a punto, in partnership paritaria con la Okairos, del vaccino antiebola, e collaborazioni con le più importanti università e farmaceutiche al mondo. Nello specifico dei fondi pubblici, utilizzati nell’arco di nove anni dal Cnccs e dall’Irbm, nei prossimi giorni con i partners coinvolti nei progetti, verrà convocata una conferenza stampa per la presentazione dei dati scientifici della suddetta scoperta”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background