Non smette più  

Pubblicato da in data 25 Maggio 2019

Non smette più

Immagine d’archivio (AFP)

Pubblicato il: 26/05/2019 08:09

Settimana rovinata (ancora una volta) dal maltempo. Già lunedì 27, a causa di correnti fresche e instabili in discesa dal Nord Europa, molti i temporali in agguato: l’Italia sarà ancora alle prese con il ciclone del Mediterraneo che, dopo aver colpito il weekend, non smette di far sentire i suoi effetti con tanti rovesci su buona parte del Paese anche molto intesi e con possibili grandinate, specie tra Lazio e Campania.

“Il vero colpo di scena – fanno sapere gli esperti de ‘IlMeteo.it’ – ce lo aspettiamo da martedì 28 quando una bassa pressione ricolma di aria fredda e instabile in discesa dal Polo Nord punterà dritto verso l’Italia dando il via ad un’intensa fase di maltempo”. Rapido peggioramento delle condizioni meteo, in particolare sulle Regioni del Nord, con la possibilità di temporali violenti e veri e propri “nubifragi con grandine, specie tra martedì e le primissime ore di mercoledì tra Liguria (settori di Levante), Lombardia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Le temperature durante questa fase sono previste in calo su tutto il Paese, risultando sotto la media di qualche grado”.

A seguire “il vortice ciclonico si sposterà dapprima verso il Centro, nel corso di mercoledì 29 maggio – con piogge su Toscana, Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo – e poi anche al Sud con fenomeni temporaleschi nella giornata di giovedì 30 tra Campania, Basilicata, Puglia e Molise”. Fortunatamente, “le condizioni meteo sono previste in generale miglioramento, grazie alla rimonta dell’alta pressione, per la parte finale della settimana”. Ma “non mancheranno anche i temporali di calore, specie durante le ore pomeridiane, che colpiranno maggiormente le zone montuose in estensione, poi anche le vicine pianure”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background