Flop gilet gialli alle Europee 

Pubblicato da in data 26 Maggio 2019

Flop gilet gialli alle Europee

Pubblicato il: 27/05/2019 16:11

(di Emmanuel Cazalé) – Flop dei gilet gialli alle Europee in Francia. Dopo 28 settimane consecutive in piazza, il movimento rappresentato da alcune liste non passa la prova delle urne raccogliendo meno dell’1% dei suffragi. L’Alliance Jaune guidata dal cantante francese, Francis Lalanne ha ottenuto lo 0,54% (circa 122.000 voti) mentre ‘Evolution citoyenne’ di Christophe Chalençon, noto alle cronache per aver incontrato il vicepremier Luigi Di Maio e Alessandro di Battisti a febbraio scatenando una crisi diplomatica tra la Francia e l’Italia, ha ottenuto lo 0,01% ossia circa 2.000 voti.

La pessima figura delle liste dei gilet gialli alle Europee non mi stupisce per niente. Le liste erano costituite da persone con scarsa qualità, da opportunisti e da pseudo gilet gialli. E’ normale che abbiano ottenuto un risultato come questo”, sentenzia all’Adnkronos Paul Marra, uno degli esponenti di spicco dei Gilet gialli e portavoce del movimento a Marsiglia. “Avevano anche cercato di coinvolgermi nella lista di Lalanne ma non ho voluto aver niente a che fare con questi pseudo gilet gialli”, sottolinea ancora Marra che invece ha appoggiato la lista del Movimento sovranista ‘Debout la France’ di Nicolas Dupont-Aignan nel quale figura anche Benjamin Cauchy, il portavoce dei gilet gialli di Tolosa, che ha ottenuto 95.013 voti, ossia il 3,5%. “Mi sento vicino a Dupont-Aignan nella cui lista c’era Cauchy. E’ un risultato abbastanza soddisfacente”, sottolinea Marra. “A Marsiglia l’ho sostenuto apertamente”. Per il prossimo futuro, aggiunge, “sono convinto che bisogna costituire delle liste di qualità. Le Europee sono solo una prima tappa. Ora in vista ci sono le elezioni comunali e le presidenziali 2022”.

Dei gilet gialli, aggiunge ancora Marra, “se ne parla solo da sei mesi. Prima non c’erano. Serve tempo. Secondo me bisogna allearsi con dei professionisti della politica altrimenti non andremmo da nessuna parte. Queste elezioni hanno dimostrato l’incapacità dei gilet gialli di costituire una lista seria, con dei leader seri. Dobbiamo avvicinarci a professionisti della politica”.

Per Chalençon, invece, questo 0,01% rappresenta “un buon punto di partenza. Siamo un nuovo movimento politico. Siamo partiti nell’urgenza due mesi fa, senza finanziamenti, non abbiamo potuto andare in televisione per spiegare il nostro programma e io sono stato limitato sui social media. Insomma siamo contenti e soddisfatti per il risultato ottenuto con pochi mezzi”, spiega all’Adnkronos Chalençon. Ora ‘Evolution citoyenne’ vuole allearsi con altri movimenti e continuare il suo cammino presentandosi alle prossime scadenze elettorali. Comunque, per Chalençon, l’esito delle Europee in Francia “non cambia nulla” e “la situazione sociale resta esplosiva“. Il presidente francese, Emmanuel Macron, che è arrivato secondo con il 22,41%, “si sente rafforzato e rappresenta nell’immaginario collettivo l’unica forza di opposizione al Rassemblement National di Marine Le Pen” che ha ottenuto il 23,31% dei voti. “I cittadini hanno votato per la lista ‘Renaissance’ di Macron perché avevano paura di Le Pen”, sottolinea ancora.

Guardando all’Italia, i gilet gialli non si dicono sorpresi dal ridimensionamento del Movimento 5 Stelle. Per Chalençon certo i risultati delle elezioni “cambierà l’equilibrio della coalizione al governo. Ora penso che ci saranno forti tensioni. E’ chiaro che il dibattito elettorale in Europa con al centro il tema dei migranti ha favorito la Lega di Matteo Salvini spingendolo su”. Per Marra, invece, la situazione “non è frutto di un caso” : “se non rispondi alle attese degli elettori ecco il risultato“. Se il Movimento 5 Stelle ha registrato un tale risultato “è perché le politiche che ha messo in campo non hanno convinto i suoi elettori che sono rimasti delusi. E’ matematico. Il movimento era stato eletto per raggiungere certi traguardi e si vede che gli elettori italiani hanno giudicato che non aveva rispettato i suoi impegni”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background