In ospedale con pressione alle stelle, colpa del tè alla liquirizia  

Pubblicato da in data 26 Maggio 2019

In ospedale con pressione alle stelle, colpa del tè alla liquirizia

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 27/05/2019 16:29

‘Verde’ non è necessariamente sinonimo di innocuo e privo di rischi per la salute. E sempre più ignari lo sperimentano sulla propria pelle. L’ultimo caso documentato di un prodotto alle erbe, finito nel mirino dei medici, arriva dal Canada ed è quello di un 84enne, giunto in ospedale con la pressione alle stelle. Una crisi, scopriranno successivamente i camici bianchi, scatenata dal tè alla liquirizia che era solito sorseggiare quotidianamente. La sua storia ha spinto gli specialisti a prendere carta e penna e descriverla come un caso di studio, pubblicato sulla rivista ‘Cmaj’ (Canadian Medical Association Journal), per mettere in guardia i colleghi sull’effetto collaterale osservato.

Il paziente è stato ricoverato per un’emergenza da alta pressione sanguigna. Quando è arrivato in pronto soccorso accusava mal di testa, dolore toracico, affaticamento e ritenzione di liquidi nei polpacci, spiegano gli autori del resoconto. Dopo il ricovero in ospedale e il trattamento, l’uomo che aveva alle spalle una storia di ipertensione ha raccontato ai medici di aver bevuto ogni giorno nelle 2 settimane precedenti 1-2 bicchieri di un estratto di radice di liquirizia fatto in casa, una bevanda chiamata ‘erk sous’.

Il tè alla liquirizia, spiegano gli esperti, è popolare in Medio Oriente e in alcune zone d’Europa. Nello specifico l’erk sous è particolarmente consumata in Egitto durante il Ramadan.

La storia dell’84enne suona come un ‘alert’ per i medici. “Data la popolazione multiculturale del Canada, i camici bianchi dovrebbero prendere in considerazione lo screening per l’assunzione di radici di liquirizia in pazienti con ipertensione difficile da controllare”, avverte Jean-Pierre Falet, del Dipartimento di neurologia della McGill University a Montréal (Quebec). “Quantità eccessive di alcuni prodotti a base di erbe possono avere effetti collaterali dannosi. Nel dettaglio, i prodotti con estratto di radice di liquirizia possono aumentare la pressione sanguigna, causare ritenzione idrica e diminuire i livelli di potassio se consumati in eccesso”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background