Borsa: Ftse Mib chiude sotto 20 mila punti  

Pubblicato da in data 28 Maggio 2019

Piazza Affari in rosso, UniCredit in controtendenza

(Fotogramma)

Pubblicato il: 29/05/2019 18:13

Seduta negativa per l’azionario italiano, penalizzato sia delle tensioni commerciali che da quelle tra il governo italiano e le autorità europee. La Commissione ha inviato all’Italia una lettera chiedendo chiarimenti entro venerdì. In particolare, all’esecutivo è richiesto di elencare i cosiddetti “fattori rilevanti” che hanno impedito la riduzione del rapporto defict/PIL. L’Italia dovrà commentare l’attuale stato dei conti pubblici cercando di fornire giustificazioni sufficienti ad evitare la procedura di infrazione.

Anche se in calo, il differenziale di rendimento con i titoli tedeschi si è confermato sopra il 2,8% (-1,6% a 281,9 punti base) penalizzando i titoli del comparto bancario. Sul Ftse Mib, che ha terminato con un rosso dell’1,29% a 19.999,94 punti, BPER ha perso lo 0,52%, Intesa Sanpaolo ha lasciato sul campo l’1,12% e Mediobanca l’1,3%. Fuori dal paniere principale, -0,47% di MPS che, secondo quanto riportato dalla stampa specializzata, starebbe per cedere un pacchetto di inadempienze probabili per 630 milioni di euro.

+0,89% per il Banco BPM che ieri ha varato un nuovo assetto organizzativo che non prevede la figura del Direttore Generale e introduce, oltre alla conferma dei Condirettori Generali, le figure del Chief Lending Officer (CLO) e del Chief Financial Officer (CFO). La prima carica è stata attribuita a Carlo Bianchi, la seconda ad Edoardo Ginevra. Moody’s Investors Service ha migliorato il rating di lungo termine sui depositi da “Ba1” (Stabile) a “Baa3“ (Stabile) e il Baseline Credit Assessment (BCA), il giudizio che analizza il profilo finanziario della banca nel suo contesto operativo, portandolo da “b1” a “ba3”. Confermata la valutazione di lungo termine sul debito “senior unsecured” a “Ba2” (Negativo). Segno più anche per UniCredit (+2,22%) che, secondo i rumor, starebbe per cedere un portafoglio di sofferenze da 5 miliardi di euro.

Le tensioni commerciali si sono riversate sul comparto industriale con il -2,4% per Leonardo, il -1,69% di Pirelli e il -1,22% di FCA. “FCA e Renault sono compatibili e i target indicati sono prudenti”, hanno rilevato gli analisti di Morgan Stanley, secondo cui le potenziali sinergie legate all’operazione “sarebbero decisamente superiori ai 5 miliardi di euro annunciati includendo una ristrutturazione”. Per quanto riguarda l’operazione di fusione, il presidente del Consiglio di amministrazione di Renault, Jean-Dominique Senard, è volato in Giappone per incontrare il Chief Executive di Nissan, Hiroto Saikawa, e spiegare i dettagli e i benefici dell`aggregazione. “C’è stata una discussione franca e trasparente sulla recente proposta di FCA a Renault”, ha detto un portavoce al termine dell’incontro.

Nel comparto energetico (-2,27% del Brent a 67,1$/barile), -2,08% di Eni che ha annunciato di aver rafforzato la sua presenza in Mozambico tramite l’acquisizione di tre nuove licenze. (in collaborazione con money.it)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background