Più vicino lo spazioporto di Grottaglie  

Pubblicato da in data 29 Maggio 2019

Più vicino lo spazioporto di Grottaglie

La conferenza sullo spazioporto di Grottaglie (Foto Enac)

Pubblicato il: 30/05/2019 16:07

I prossimi voli nello spazio partiranno anche dall’aeroporto di Grottaglie. Lo scalo pugliese, dopo i test sui droni più avanzati, è candidato infatti a diventare lo spazioporto per voli suborbitali, lanci di satelliti e, non ultimo, viaggi di futuri turisti spaziali. Un nuovo tassello oggi, ad un anno dagli accordi fra Asi e Virgin Galactic, è stato posto dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, Regione Puglia, Aeroporti di Puglia e Distretto Tecnologico Aerospaziale che hanno organizzato un incontro sul futuro del nuovo ‘hub spaziale’ pugliese.

Alla Conferenza Internazionale “Grottaglie Spaceport for Europe” si sono riuniti i leader dei principali soggetti europei aerospaziali, sia delle istituzioni che dei settori commerciali, per scambiare e condividere le loro opinioni sui piani attuali e futuri dello spazioporto di Grottaglie. Sullo sfondo la Space Economy che l’Italia ha ormai inserito tra gli obiettivi di politica economica nazionale “in virtù delle forti previsioni di crescita del settore e delle ricadute stimate per l’intera economia nazionale” sottolinea l’Enac.

“A Grottaglie il futuro è già iniziato”, ha scandito il Presidente dell’Enac, Nicola Zaccheo. “Dopo essere già diventato aeroporto di riferimento in attività di sperimentazione tecnologica avanzata con i droni e, più in generale, con aeromobili a pilotaggio remoto sia manned che unmanned, lo spazioporto nazionale a Grottaglie è, per il territorio e per il nostro Paese, una opportunità di sviluppo incredibile” ha detto Zaccheo sottolineando che “i principali player istituzionali e industriali, sia nazionali che internazionali, oggi riuniti, affrontano tematiche solo pochi anni fa ritenute fantascientifiche, ma oggi già reali, quali l’aviolancio di satelliti, i voli suborbitali e il turismo spaziale”.

Intervendo al Congresso di Grottaglie, il presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, ha ricordato come la società “ha sempre dimostrato grande interesse per le sfide più audaci e di visione nel medio lungo termine”. “L’interesse e il successo dell’odierna iniziativa -ha osservato Onesti- confermano che siamo su una traiettoria di crescita che coniuga insieme ricerca, applicazione, attrazione e, non ultimo, accoglienza e qualità della vita”. “La nostra società, grazie al supporto costante della Regione, dell’Enac e del Governo, non può che avere una visione di sistema con la finalità -ha rimarcato il top manager- di mettere insieme le sfide dell’innovazione in un settore di frontiera come quello aerospaziale, operando in un contesto socio-economico e ambientale di grande potenzialità il cui potere attrattivo viene da tutti riconosciuto e apprezzato, in Italia e all’estero”.

A parlare dell’aeroporto di Grottaglie come “uno degli asset strategici più significativi ed attrattivi della Puglia” è stato il Presidente del Distretto Tecnologico dell’Aerospazio, Giuseppe Acierno, convinto che ora l’hub debba diventare “una straordinaria leva per lo sviluppo del settore aerospaziale nazionale”. L’appuntamento è stato aperto dai saluti del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dall’intervento dell’assessore regionale allo Sviluppo economico, Cosimo Borraccino. “Siamo al servizio di un progetto che, mi piace moltissimo, hanno chiamato Dream Chaser: la Puglia è un naturale contenitore di sogni” ha detto il Governatore che ha ringraziato Enac e Agenzia Spaziale Italiana “perché senza il loro contributo questi sogni avrebbero avuto difficoltà ad evolvere”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background