Caos Procure: Caselli,’occorre scatto d’orgoglio in Csm attraverso autocritica e autoriforma’  

Pubblicato da in data 5 Giugno 2019

Caos procure, Caselli: serve scatto d'orgoglio in Csm

(Gian Carlo Caselli)

Pubblicato il: 06/06/2019 21:29

Occorre da parte della magistratura e del Csm uno scatto d’orgoglio e di dignità realizzando un’autocritica e un’autoriforma. Va comunque detto che l’indipendenza della magistratura non è un privilegio della casta dei magistrati, ma un patrimonio e una garanzia dei cittadini”. Lo dice all’Adnkronos Gian Carlo Caselli, ex procuratore della Repubblica di Palermo e Torino, commentando quanto emerso nell’inchiesta dei pm di Perugia sugli incontri tra magistrati ed esponenti politici per discutere della nomina del procuratore di Roma.

“I fatti dell’inchiesta di Perugia – aggiunge Caselli- sono in corso di accertamento, ma c’è una certezza: è la percezione assolutamente negativa da parte dell’opinione pubblica. Lo stato di salute della giustizia in Italia è tutt’altro che buono e la fiducia dei cittadini diminuisce fortemente soprattutto perché i processi durano e costano troppo. Secondo me si sta verificando l’innesto di questa sfiducia sulla percezione diffusa relativa al Csm col rischio di un cortocircuito, che può provocare non solo derive illiberali incontrollate, ma anche la possibilità che alcune forze, approfittando della crisi attuale della giustizia e del Csm, vogliano regolare i conti con la magistratura riducendone l’indipendenza, per esempio introducendo la separazione delle carriere, che in tutto il mondo vuol dire dipendenza del Pubblico Ministero dal governo”.

Commentando la presa di posizione di ieri del Viminale che aveva criticato alcuni giudici per sentenze sulla sicurezza e l’immigrazione, Caselli afferma:” Con tutto il rispetto dovuto al ministro Salvini, mi permetto di dire che ci si dovrebbe occupare degli accordi occulti e delle appartenenze segrete. Quando si critica la partecipazione pubblica sui temi della giustizia per farne un motivo di sostanziale ricusazione contro un giudice si va verso una direzione sbagliata”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background