Commercio: franchising, bene bar e ristoranti giù librerie e profumerie  

Pubblicato da in data 5 Giugno 2019

Franchising, bene bar e ristoranti giù librerie e profumerie

(Fotogramma)

Pubblicato il: 06/06/2019 16:19

Il franchising nel settore della ristorazione, in particolar modo dei bar, delle gelaterie, dei pub e delle pasticcerie va a gonfie vele e segna un +20% sull’anno precedente. Il giro di affari per il 2018 è stato di oltre 447 milioni di euro e gli occupati più di 5.500. E’ quanto emerge dal Rapporto 2019 di Assofranchising presentato oggi a Roma alla Confcommercio Imprese per l’Italia.

In forte crescita anche l’alimentare specializzato che con la nascita sempre più frequente di negozi dedicati a diete ed esigenze alimentari particolari, ha visto incrementare il proprio fatturato del 23,3% superando i 227 milioni di euro. Stabile e sempre ben posizionato il comparto delle palestre e dei centri estetici.

In calo risultano le librerie e le profumerie in franchising, che perdono rispettivamente il 19,2 e il 15,5%. Ma il dato più significativo è registrato dal settore energia, che comprende i negozi specializzati nella vendita di offerte per l’energia domestica e nell’assistenza, ormai sempre più affidata in outsourcing a contact center dedicati. Una lieve flessione viene registrata anche dal settore della Gdo Food con -2,0%, che mantiene in ogni caso un fatturato superiore ai 7 miliardi di euro e che incide per il 30,9% sul totale del giro di affari del franchising.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background