Israele, scimmia ‘rimpatriata’ in Libano grazie all’Onu  

Pubblicato da in data 6 Giugno 2019

Israele, scimmia rimpatriata in Libano grazie all'Onu

immagine di repertorio

(Fotogramma)

Pubblicato il: 07/06/2019 18:16

C’è voluto anche l’intervento dell’Onu per riacciuffare e ‘rimpatriare’ in Libano un cercopiteco che era fuggito in Israele. Durante la sua gita di due settimane oltrefrontiera, la scimmia è stata ripresa varie volte dalle telecamere mentre si aggirava in diversi villaggi israeliani a ridosso del confine. Finalmente l’animale è stato catturato grazie all’intervento del personale specializzato della Yodfat Monkey Forest, un piccolo zoo nel nord d’Israele, racconta Times of Israel.

Il cercopiteco fuggitivo appartiene a y Beatrice Maugerin, una suora francese che ha fondato nel sud del Libano la “Nave della pace”, una fattoria dove possono incontrarsi cristiani, musulmani e ed ebrei. La religiosa si era rivolta al governo libanese per poter riavere il suo cercopiteco. Ma dato che Libano e Israele non hanno rapporti diplomatici, Beirut ha chiesto all’Onu di presentare la richiesta di catturare la scimmia.

Tre guardiani del piccolo zoo israeliano hanno inseguito le tracce del cercopiteco per cinque giorni, prima di riuscire ieri sera a catturarlo e metterlo in gabbia. Questa mattina l’esercito israeliano ha consegnato la scimmia a rappresentanti dell’Onu, che hanno riportato l’animale alla legittima proprietaria.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background