Arriva ‘Il nuovo principe’ per aiutare a fare startup  

Pubblicato da in data 10 Giugno 2019

Arriva 'Il nuovo principe' per aiutare a fare startup

Marco Trombetti

Pubblicato il: 11/06/2019 13:21

Aiutare i giovani imprenditori, specie chi nasce lontano dai grandi centri di innovazione, a far nascere e crescere startup di successo. E’ l’obiettivo del libro ‘Il Nuovo principe – Perché e come fare startup’, scritto da Marco Trombetti, informatico, imprenditore e investitore.

Nel 1999, insieme a sua moglie, Isabelle Andrieu, ho co-fondato Translated, un servizio di traduzione che ha aperto la strada all’uso dell’intelligenza artificiale per aiutare i traduttori professionisti. Oggi Translated è una delle aziende di traduzione online di maggior successo al mondo. Nel 2007 ha fondato Memopal, una società di cloud storage, con Gianluca Granero. Con i profitti di queste iniziative, Isabelle, Gianluca e Marco hanno fondato Pi Campus, un fondo per aiutare i giovani imprenditori di tutto il mondo a creare aziende fantastiche.

“PiCampus -spiega Trombetti in un’intervista ad Adnkronos/Labitalia- è un fondo di investimento della fase iniziale. Significa che forniamo dai 50mila ai 200mila, 300mila euro alcune volte, a dei giovani investitori che vogliono avviare un’azienda. In cambio prendiamo una quota che va dall’1 al 10% dell’azienda e aiutiamo a svilupparla nella speranza che diventi la prossima Apple, Google o meglio la versione migliore di queste”. E Picampus offre alle startup il miglior ambiente di lavoro per crescere: sei ville nel cuore del quartiere Eur di Roma, tra verde e spazi condivisi.

Ma quali sono gli obiettivi del volume di Trombetti? Per far sì che una startup abbia successo, dice, “serve la fortuna, e può essere condizionata, e spiego come fare nel libro e poi una grandissima motivazione”. “E poi – prosegue – fare startup è contro intuitivo. Ce ne sono poche non perché è estremamente difficile, ma perché il modo per fare crescere queste aziende è contro intuitivo. Nel modo in cui generi le idee, nel modo in cui scegli le idee, le sviluppi, le persone che scegli per fare crescere queste aziende e le strategie che usi”.

“Ho scritto il libro – sottolinea – per aiutare i giovani imprenditori che si trovano lontani dai grandi centri di innovazione, che di fatto è semplicemente la California; ho voluto scrivere questo libro, dove, dopo venti anni che faccio questo mestiere, spiego queste tecniche contro intuitive per fare crescere le aziende”.

Il libro, composto di 12 saggi brevi, è disponibile gratuitamente sul sito dell’autore (​marcotrombetti.com) e può essere acquistato su Amazon in due versioni: nella singola lingua e in un cofanetto contenente 12 volumi nelle 12 principali lingue. “Questo cofanetto -afferma Trombetti- è pensato per consentire agli imprenditori di regalare il libro ad amici che parlano una lingua diversa. Tutti i proventi generati dalla vendita del libro verranno devoluti all’​Unicef​, che si prende cura del futuro (i nostri bambini), e Translators Without Borders​, che aiuta le persone a comprendersi l‘un l’altra”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Arriva ‘Il nuovo principe’ per aiutare a fare startup  

Pubblicato da in data 10 Giugno 2019

Arriva 'Il nuovo principe' per aiutare a fare startup

Marco Trombetti

Pubblicato il: 11/06/2019 13:21

Aiutare i giovani imprenditori, specie chi nasce lontano dai grandi centri di innovazione, a far nascere e crescere startup di successo. E’ l’obiettivo del libro ‘Il Nuovo principe – Perché e come fare startup’, scritto da Marco Trombetti, informatico, imprenditore e investitore.

Nel 1999, insieme a sua moglie, Isabelle Andrieu, ho co-fondato Translated, un servizio di traduzione che ha aperto la strada all’uso dell’intelligenza artificiale per aiutare i traduttori professionisti. Oggi Translated è una delle aziende di traduzione online di maggior successo al mondo. Nel 2007 ha fondato Memopal, una società di cloud storage, con Gianluca Granero. Con i profitti di queste iniziative, Isabelle, Gianluca e Marco hanno fondato Pi Campus, un fondo per aiutare i giovani imprenditori di tutto il mondo a creare aziende fantastiche.

“PiCampus -spiega Trombetti in un’intervista ad Adnkronos/Labitalia- è un fondo di investimento della fase iniziale. Significa che forniamo dai 50mila ai 200mila, 300mila euro alcune volte, a dei giovani investitori che vogliono avviare un’azienda. In cambio prendiamo una quota che va dall’1 al 10% dell’azienda e aiutiamo a svilupparla nella speranza che diventi la prossima Apple, Google o meglio la versione migliore di queste”. E Picampus offre alle startup il miglior ambiente di lavoro per crescere: sei ville nel cuore del quartiere Eur di Roma, tra verde e spazi condivisi.

Ma quali sono gli obiettivi del volume di Trombetti? Per far sì che una startup abbia successo, dice, “serve la fortuna, e può essere condizionata, e spiego come fare nel libro e poi una grandissima motivazione”. “E poi – prosegue – fare startup è contro intuitivo. Ce ne sono poche non perché è estremamente difficile, ma perché il modo per fare crescere queste aziende è contro intuitivo. Nel modo in cui generi le idee, nel modo in cui scegli le idee, le sviluppi, le persone che scegli per fare crescere queste aziende e le strategie che usi”.

“Ho scritto il libro – sottolinea – per aiutare i giovani imprenditori che si trovano lontani dai grandi centri di innovazione, che di fatto è semplicemente la California; ho voluto scrivere questo libro, dove, dopo venti anni che faccio questo mestiere, spiego queste tecniche contro intuitive per fare crescere le aziende”.

Il libro, composto di 12 saggi brevi, è disponibile gratuitamente sul sito dell’autore (​marcotrombetti.com) e può essere acquistato su Amazon in due versioni: nella singola lingua e in un cofanetto contenente 12 volumi nelle 12 principali lingue. “Questo cofanetto -afferma Trombetti- è pensato per consentire agli imprenditori di regalare il libro ad amici che parlano una lingua diversa. Tutti i proventi generati dalla vendita del libro verranno devoluti all’​Unicef​, che si prende cura del futuro (i nostri bambini), e Translators Without Borders​, che aiuta le persone a comprendersi l‘un l’altra”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background