“Di Maio uno di noi, Whirlpool faccia un passo indietro” 

Pubblicato da in data 11 Giugno 2019

Di Maio uno di noi, Whirlpool faccia un passo indietro

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 12/06/2019 19:18

Fischietti, trombette, bandiere Fiom Fim e Uilm, e tanti slogan accompagnano la vertenza che si riaccende di speranza soprattutto dopo le dure critiche di ieri rivolte dal vicepremier e ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio alla multinazionale americana e il contestuale annuncio della revoca di 15 milioni di fondi pubblici. “Di Maio uno di noi“, gridano gli operai in piazza sotto al Mise, molti anche dell’indotto napoletano, che entrerebbe in crisi con una ipotetica cessione (VIDEO). “Rispetto, rispetto” scandiscono in un frastuono assordante insieme a epiteti rivolti all’amministratore delegato di Whirlpool Italia. Oggi c’è stato un nuovo round tra l’azienda, il governo e i sindacati sull’ipotesi di cessione del sito di Napoli della multinazionale americana.

Anche oggi il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio è tornato sulla questione. “In questa settimana ho chiesto con forza a Whirlpool di non abbandonare Napoli, altrimenti nemmeno avremmo continuato la discussione. L’azienda oggi al tavolo ha detto per la prima volta che non si disimpegnerà più dallo stabilimento. Questa è la base su cui costruire e ci aspettiamo risposte entro la settimana prossima” ha scritto in un post su Facebook. Da parte sua Whirlpool Emea “ha accolto con favore l’apertura del ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio a lavorare con le istituzioni e le parti sociali secondo le linee guida condivise dal Mise. Tale soluzione avrà l’obiettivo di garantire la continuità industriale allo stabilimento e i massimi livelli occupazionali, al fine di creare le condizioni per un futuro sostenibile del sito napoletano”. L’azienda “ha confermato l’importanza strategica dell’Italia all’interno della regione Emea, sia dal punto di vista industriale che commerciale”. Whirlpool, azienda leader nel settore degli elettrodomestici, “negli ultimi anni è stata uno dei maggiori investitori in Italia. Con la firma del Piano Industriale, Whirlpool ha confermato la sua intenzione a continuare su questo percorso”. L’azienda, si legge ancora, “si riserva di valutare nel dettaglio le misure incluse negli atti di indirizzo firmati ieri dal ministro Di Maio e rivolti rispettivamente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al Mise e ad Invitalia, i cui dettagli sono tuttora sconosciuti. Questi atti potrebbero, infatti, rappresentare importanti elementi di novità per il Piano Industriale dell’azienda e per la sua competitività industriale in Italia”. Whirlpool Emea, conclude la nota, “si rende disponibile da subito e si impegna, come priorità immediata, a procedere con le discussioni con tutti i soggetti coinvolti al fine di definire i dettagli della soluzione per il sito di Napoli e le sue persone”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background