Sea Watch soccorre 52 persone al largo della Libia  

Pubblicato da in data 11 Giugno 2019

Sea Watch soccorre 52 persone al largo della Libia

Immagine di repertorio (Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 12/06/2019 15:47

Cinquantadue migranti sono stati salvati davanti alle coste libiche dalla nave Sea Watch. “Il nostro equipaggio ha da poco concluso il soccorso di 52 persone da un gommone al largo della Libia, a circa 47 miglia di Zawiya. Questa mattina, alle 9.53, l’aereo di ricognizione Colibri aveva avvistato l’imbarcazione, informando le autorità competenti e la nave” twitta l’Ong tedesca. “La cosidetta guardia costiera libica – aggiunge l’Organizzazione in un altro tweet – successivamente comunicava di aver assunto il coordinamento del caso. Giunti sulla scena, priva di alcun assetto di soccorso, abbiamo proceduto al salvataggio come il diritto internazionale impone. I naufraghi sono ora a bordo della Sea Watch”.

La cosidetta guardia costiera libica successivamente comunicava di aver assunto il coordinamento del caso. Giunti sulla scena, priva di alcun assetto di soccorso, abbiamo proceduto al salvataggio come il diritto internazionale impone. I naufraghi sono ora a bordo della #SeaWatch.

— Sea-Watch Italy (@SeaWatchItaly) 12 giugno 2019

“Ennesimo atto di pirateria di un’organizzazione fuorilegge” attacca il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Non ha rispettato le indicazioni della Guardia costiera libica, ennesimo atto di pirateria di un’organizzazione fuori legge”. I migranti soccorsi oggi dalla Sea Watch a largo delle coste libiche finiranno in Italia? “Non penso proprio, anche perché ora nel dl sicurezza bis che abbiamo approvato ieri c’è una norma che prevede la confisca dei mezzi pirati che non rispetta leggi e indicazioni. A parte che son due tre volte che l’hanno fermata e l’hanno rilasciata, chiedete in Procura perché… Io non faccio il procuratore”. “Oggi questi signori – aggiunge – sono intervenuti al di fuori delle leggi e delle indicazioni, perpetuando l’ennesimo atto illegale”. “Questi non sono naufragi, sono viaggi organizzati illegali a pagamento, sono viaggi organizzati a pagamento dagli scafisti – scandisce rientrando a casa da Palazzo Chigi – non ho mai conosciuto naufraghi a pagamento. Se ci sono delle leggi si rispettano le leggi”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background