Fumetti: un dialogo ‘on the road’ per i protagonisti di ‘Ti chiamo domani’  

Pubblicato da in data 15 Giugno 2019

Un dialogo a fumetti e 'on the road', in libreria 'Ti chiamo domani'

Pubblicato il: 16/06/2019 11:16

Un dialogo tra due sconosciuti, una ragazza e un uomo, fatto di storie personali e sentimentali, raccontate ad alta voce. Una storia ‘on the road’ in un camion, da Tolosa alla Sabina, dallo spunto autobiografico. Tutto questo è ‘Ti chiamo domani’, il primo graphic novel, scritto e disegnato da Rita Petruccioli, in libreria per Bao Publishing.

Chiara fa l’Erasmus in Francia, ha conosciuto un ragazzo ma è molto confusa. Deve tornare a casa, e siccome il padre lavora nel ramo trasporti, accetterà il passaggio su un camion che torna in Italia, guidato da Daniele, un tipo schivo e taciturno. Due giorni sulla strada insieme porteranno i due a raccontarsi, a condividere le loro esperienze personali, a mettersi un poco a nudo.

Un dialogo sul modo in cui affrontano i rapporti personali, sulle incomprensioni e le difficoltà che gli sono capitate, e sulle emozioni complesse che hanno vissuto, che porta alla luce temi importanti come la consensualità nelle relazioni sentimentali. Ascoltandosi a vicenda, i due protagonisti impareranno qualcosa di prezioso e da quell’incontro fortuito arriverà, per entrambi, la realizzazione del bisogno di dare una svolta alla propria vita.

L’autrice, Rita Petruccioli, romana classe 82, come la sua protagonista Chiara ha fatto l’Erasmus a Tolosa, per poi rientrare in Italia in camion: “dopo 6 mesi avevo accumulato troppe cose e, grazie a mio padre che conosceva una ditta di camionisti fidati, ho intrapreso questo viaggio” racconta all’Adnkronos.

Il libro, “chiaramente è fiction ma, questa mia esperienza, ha dato lo spunto per poter creare una situazione di dialogo profondo tra una figura maschile e una femminile, che sono appunto Chiara e Daniele”. Rita è da tanti anni un’illustratrice (l’ultimo, edito sempre da Bao Publishing, è ‘Frantumu’ scritto da Giovanni Masi) e questo è il suo primo lavoro da solista: “a forza di interpretare le storie altrui ho capito che avevo qualcosa da raccontare anche io. Sentivo un forte bisogno di autonomia”.

Un passo importante, dunque, che però non esclude future collaborazioni: “continuerò ad illustrare fumetti di altri scrittori e scrittrici. La collaborazione è un arricchimento e non posso escluderlo”. Nuovi progetti in cantiere? Al momento non ci sono, ma sui contenuti Rita ha già le idee chiare: “mi piacerebbe raccontare sempre di esseri umani e le relazioni che li interconnettono. In questo libro il dialogo è tra due persone mentre nel prossimo lavoro vorrei qualcosa di meno individuale, dove si senta di più il senso di collettività: ne abbiamo bisogno, oggi più che mai, sia da un punto di vista culturale che politico”.

Le prossime date del book tour inizieranno da Roma, prima alla Città Incantata di Santa Severa (29 giugno, ore 10:30 firmacopie e incontro alle 16) e poi alla Casa delle Donne Lucha y Siesta insieme a Zerocalcare e Simona Ammerata attivista femminista (1 luglio alle 19:30). Le altre tappe: Milano (3 luglio al Germi –Luogo di contaminazione alle 19); Bologna (4 luglio alla libreria Igor alle 19); Firenze (5 luglio al TheSign City alle 19); e infine, di nuovo Roma (7 luglio al Csoa La Strada alle 18).


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background