Maturità, i consigli di Missiroli: ”Il tema? Create una storia’  

Pubblicato da in data 16 Giugno 2019

Maturità, i consigli di Missiroli: ''Il tema? Create una storia''

Marco Missiroli (Fotogramma /Ipa)

Pubblicato il: 17/06/2019 18:42

di Giorgia Sodaro

“Uno dei consigli che do agli studenti che devono affrontare il tema della maturità è quello di scegliersi una storia, non pensare solamente alle nozioni e alle informazioni che devono riversare all’interno del testo”. Marco Missiroli, scrittore riminese con all’attivo sei romanzi e tre racconti, ha vinto, giusto una settimana fa, il Premio Strega Giovani, votato per il suo ‘Fedeltà’ proprio da lettori tra i 16 e i 18 anni. Giovani come quelli che dopodomani dovranno cimentarsi con la soffertissima prima prova della Maturità: il tema di Italiano.

Agli studenti lo scrittore suggerisce appunto “di creare una storia che a loro interessa all’interno del testo, con delle emozioni e anche un po’ di esperienza personale, quindi ‘di prima persona singolare'”, tutti elementi che li aiuteranno “a far digerire un testo che altrimenti sarebbe freddo”. “Insomma – dice all’Adnkronos – i maturandi devono un po’ divertirsi”.

Missiroli, 38 anni, racconta di “aver avuto un periodo di grande malinconia” proprio prima della maturità. “Il tema che uscì – aggiunge – fu quello del male di vivere o una cosa del genere. Ricordo di aver fatto un sorriso incredibile perché avevo patito fino ad allora per pene amorose, esistenziali e adolescenziali, e – incredibile – il compito si sposò perfettamente con lo stato d’animo che avevo in quel momento”.

“Scrissi un tema che partiva dall’Urlo di Munch, e passava per molti autori, però soprattuto attraverso i sentimenti che avevo in me stesso in quel momento – spiega – Quindi fui fortunato ma riuscii anche a riversare quello che stavo provando con una classicità, che il tema richiedeva”.

“Ecco quello lì fu veramente qualcosa di fortunoso e importante”, dice Missiroli, però “ci deve essere un po’ di noi stessi all’interno di un testo che altrimenti sarebbe fuori e sarebbe quasi apatico. Questo è importante. Rivoluzioniamo un po’ la parte intima di noi stessi – conclude lo scrittore – in un momento che ci vede poco intimi”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background