Da prima Zecca d’Italia a polo culturale all’Esquilino. Ma lavori al via tra 2 anni  

Pubblicato da in data 17 Giugno 2019

Da prima Zecca d'Italia a polo culturale all'Esquilino. Ma lavori al via tra 2 anni (Video)

Il progetto di riqualificazione del palazzo della Zecca all’Esquilino

Pubblicato il: 18/06/2019 16:07

Un polo culturale polifunzionale nell’edificio che ha ospitato la prima Zecca d’Italia, inaugurata nel 1911 da re Vittorio Emanuel III, nel quartiere Esquilino di Roma. La riqualificazione, su progetto del gruppo guidato dallo Studio Atelier(S) Alfonso Femia che ha vinto il concorso internazionale bandito dal Poligrafico e Zecca dello Stato nel marzo 2018, è stata presentata questa mattina in una conferenza stampa nell’edificio di via Principe Umberto alla presenza della sindaca di Roma Virginia Raggi e dell’ad del Poligrafico e della Zecca dello Stato, Paolo Aielli. I lavori sull’edificio, però, dovrebbero iniziare tra circa due anni.

Raggi: ‘Sfida è recuperare esistente’ – ‘’La sfida più grande a Roma è quella di recuperare quegli spazi urbani che negli anni sono stati abbandonati per la perdita della funzione. Un recupero non per relegarli a mera attività di musealizzazione ma per integrare l’identità del luogo con una possibilità di sviluppo futuro, ricominciando a dialogare con il contesto’’. Raggi ha messo l’accento sul fatto che il recupero è stato avviato con concorsi internazionali di progettazione. ‘’Non è banale ed è la direzione verso cui questa amministrazione sta andando. Per noi è fondamentale scrivere una nuova storia urbanistica di Roma che non vada a costruire nuovi edifici e cubature ma piuttosto a recuperare l’esistente’’.

‘Tanti interventi per riqualificare Esquilino’ – ‘’Quest’operazione – ha continuato la sindaca – si inserisce in un tessuto urbano in trasformazione, un’area quella dell’Esquilino su cui l’Amministrazione sta portando avanti un intervento di riqualificazione complessiva degli spazi e dei luoghi. Dalla riqualificazione di piazza Vittorio che è finalmente iniziata anche se ci vorrà ancora del tempo, stiamo lavorando al tram per arrivare ai Fori, il recupero del cinema Apollo e la valorizzazione di piazza dei Cinquecento, un progetto con Rfi’’.

(Nella foto Raggi e l’ad Aielli)

Ad Poligrafico Aielli – ‘Fondi ci sono ma preoccupati per tempistica’ – Preoccupato per i tempi dell’inizio dei lavori l’ad Aielli. ‘’La nostra sfida era dimostrare che una azienda pubblica può essere innovativa efficiente e può dare un ritorno economico per lo Stato – ha detto l’ad Aielli – C’era un contenzioso decennale tra due soggetti pubblici, siamo riusciti a superarlo e abbiamo fatto un concorso internazionale. Con il Mef, nostro azionista di riferimento, abbiamo individuato le risorse. Non abbiamo problemi di fondi, sono nel bilancio e sono a disposizione ma siamo un po’ preoccupati per la tempistica. Per le due conferenze dei servizi ci vorranno circa 12 mesi, poi almeno 9 mesi per la gara dei lavori, quindi potremo avviare i lavori di recupero tra due anni da oggi. E questo genera un po’ di frustrazione. Chiederemo a tutti gli enti coinvolti di ridurre il più possibile i tempi che ci separano dai lavori. E’ un’operazione che vogliamo fare per lo Stato e per la città di Roma’’.

Raggi: ‘Faremo il possibile per comprimere tempi’ – Raggi ha assicurato che si cercherà di ‘’comprimere i tempi, nei limiti del possibile, perché è vero che aspettare tanto quando un progetto è pronto è un po’ frustrante. L’amministrazione farà il possibile per aiutare la rinascita di questa nostra bellissima e complessissima città’’.

Mostre, laboratori, caffetteria e foresteria – Il nuovo complesso edilizio prevede uno spazio museale per mostre temporanee, un centro convegni, un centro di artigianato di qualità, un centro servizi culturali, una biblioteca con archivio storico, i nuovi laboratori per i giovani talenti della scuola dell’arte della medaglia, un bookshop con caffetteria e una foresteria.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background