Al Festival del Lavoro la battaglia per la legalità di Nino Bartuccio  

Pubblicato da in data 20 Giugno 2019

Al Festival del Lavoro la battaglia per la legalità di Nino Bartuccio

Nino Bartuccio (Foto Festival del Lavoro 2019)

Pubblicato il: 21/06/2019 18:51

“Sono stato eletto sindaco nel marzo 2010, ad aprile 2011 il consiglio comunale è stato sciolto per il venire meno della maggioranza dei consiglieri. Qualcuno di questi minacciato dalla ‘ndrangheta che voleva che cadesse l’amministrazione comunale. Un fatto emblematico perchè non sono state le istituzioni, come accade in casi di infiltrazioni mafiose, a sciogliere il consiglio comunale ma è stata la ‘ndrangheta a sciogliere il consiglio comunale”. Così Nino Bartuccio, ex-sindaco di Rizziconi, in provincia di Reggio Calabria, ospite oggi del Festival del Lavoro a Milano, racconta la sua storia di testimone di giustizia e la sua battaglia per la legalità.

E la Fondazione studi dei consulenti del lavoro, che organizza il Festival del Lavoro, ha voluto sostenere la battaglia di Bartuccio con un libro dal titolo ‘Sui sedili posteriori. La nuova libertà di Nino Bartuccio’, con la prefazione della presidente del Cno dei consulenti Marina Calderone, e che è stato presentato oggi al Festival.

“Io ho fatto il mio dovere, non c’erano altre vie -ha continuato- io sapevo che la strada da percorrere era una sola, quella della legalità nell’amministrare il mio Paese, dare il buon esempio ai miei concittadini e ai giovani a cui serve il buon esempio. Vivere sotto scorta con la propria famiglia non è bello, però a volte ci capitano cose che non vogliamo, quindi in ogni caso bisogna sempre tenere la schiena dritta. Certo che lo rifarei, dovevo farlo perchè era mio dovere farlo visto che ero il primo cittadino del mio Paese, lo rifarei da privato cittadino, lo rifarei da padre ed è giusto così”, conclude Bartuccio.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background