Borsa: Milano chiude a +0,13%, rally di Telecom Italia  

Pubblicato da in data 20 Giugno 2019

Milano in positivo, rally di Telecom Italia

(Foto Afp)

Pubblicato il: 21/06/2019 18:11

Nonostante un’ultima seduta di ottava in sostanziale parità, il listino di Piazza Affari chiude la settimana con un rialzo di oltre 3,7 punti percentuali (+2,6% per l’Euro Stoxx 50). A dispetto delle tensioni geopolitiche, ad innescare gli acquisti sono state le aperture a nuove misure di stimolo arrivate dalle maggiori banche centrali. In particolare, la disponibilità della Banca centrale europea a tagliare nuovamente i tassi (ed a mettere in campo, eventualmente, un piano di acquisto bond) ha favorito la compressione dei rendimenti (e dello spread) spingendo al rialzo i titoli bancari del Belpaese. La settimana del differenziale di rendimento tra titoli italiani e tedeschi si è chiusa a circa 244 punti base, 5,3 punti percentuali in meno in cinque sedute.

Quattro i miliardi contenuti nel pacchetto di assestamento di bilancio che sarà varato mercoledì prossimo dal governo. La manovra reperirà 2 miliardi dalla Cassa depositi e prestiti (tra dividendo ed extradividendo) e altrettanti (presunti) dai maggiori incassi legati alla fatturazione elettronica. Si tratta di fondi che potrebbero rivelarsi preziosi per scongiurare la procedura di infrazione.

Sul Ftse Mib, che oggi si è fermato a 21.388,63 punti (+0,13%), la performance migliore è stata registrata da Telecom Italia (+3,45%) che ha sottoscritto con la Cdp ed Enel (+0,68%) “un accordo di confidenzialità” per valutare possibili forme di integrazione delle reti in fibra ottica di Tim e Open Fiber.

Contrastato il comparto bancario con il -0,93% di UBI e il -0,84% di Intesa Sanpaolo da un lato e il +2,58% di Finecobank e il +1,69% di BPER dall’altro.

Con il Brent che ha messo a segno la seconda seduta consecutiva di guadagni, in corrispondenza della chiusura dei listini europei passa di mano a 65,1$/barile, +1 punto percentuale su ieri, spicca il buon andamento del comparto energetico: Eni ha terminato con un +1,73%, Tenaris ha segnato un +1,06% e Saipem un -1,05%. -4,31% per Atlantia, penalizzata dal nuovo sistema di calcolo delle tariffe autostradali. (in collaborazione con money.it)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background