Innovazione: Ibm Studios apre ufficialmente le sue porte  

Pubblicato da in data 23 Giugno 2019

Ibm Studios apre ufficialmente le sue porte

Pubblicato il: 24/06/2019 18:02

Uno spazio aperto, nel cuore dell’area hi-tech milanese, in cui condividere esperienze, sperimentare, confrontarsi e toccare con mano le tecnologie più avanzate e le loro applicazioni per migliorare le nostre vite e il modo di fare business, questo in sintesi l’Ibm Studios che ha aperto ufficialmente le sue porte in piazza Gae Aulenti.

E’ stato il presidente e amministratore delegato di Ibm Italia, Enrico Cereda, a inaugurare la struttura proprio oggi, mentre si sta svolgendo il ‘Think Summit’, iniziato il 21 giugno e che si concluderà il 26 giugno. In una giornata focalizzata sul tema del cloud riflettori anche sull’avvio di ’Ibm Garage’, uno spazio che unisce competenze, piattaforme e tecnologie in un contesto creativo in grado di promuovere l’innovazione e lo sviluppo di nuove applicazioni per aziende grandi e piccole.

“Abbiamo bisogno sempre più di luoghi fisici dove sperimentare nuove tecnologie come cloud, intelligenza artificiale, strumenti di cyber security – spiega Enrico Cereda presidente e ad Ibm Italia – perché oggi c’è la necessità di passare dai test alla loro adozione. Questa è una struttura fatta di competenze e di persone in cui verranno sperimentate tutte queste tecnologie per portarle dentro alle nostre aziende, piccole o medie che siano”.

Un luogo con una struttura ben organizzata in cui lavorare e confrontarsi sulle nuove tecnologie digitali: “È formata su tre piani ben distinti – continua l’amministratore delegato di Ibm Italia – il piano terra, chiamato Client Center, verrà destinato ad ospitare eventi e sarà a disposizione della città di Milano in particolare per le scuole (nell’ultimo weekend abbiamo ricevuto la visita di tanti ragazzi) e per le Università della città. Il primo piano invece ospita l’IBM Garage, dove avremo la possibilità di scalare le tecnologie dell’intelligenza artificiale e del cloud, quindi lavoreremo insieme ad aziende e clienti per portare le nostre competenze come valore aggiunto. L’ultimo piano – il cui nome è Strategy & Design Lab – sarà quello della’user experience’: qui alle competenze tecnologiche uniremo quelle di industria per dare un contributo fondamentale alla digitalizzazione del sistema paese. Come ci ricorda l’indice Desi, l’Italia occupa la ventiquattresima poizione su ventotto Paesi e questo la dice lunga sul fatto che ci sia ancora molto da fare. Ma quel gap possiamo ridurlo con l’applicazione delle nuove tecnologie esponenziali”.

Un investimento significativo da parte dell’azienda: “Ibm ha voluto investire 40 milioni a Milano, in questa struttura, per farne un polo internazionale in cui portare competenze e clienti. Noi cercheremo di sfruttarlo nel miglior modo possibile” sottolinea Enrico Cereda.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background