Minibot, lo strappo di Giorgetti  

Pubblicato da in data 23 Giugno 2019

Minibot, lo strappo di Giorgetti

(Fotogramma)

Pubblicato il: 24/06/2019 07:21

“C’è ancora chi crede a Borghi?”. Una battuta per liquidare i minibot e, con loro, il principale sostenitore della misura. E a gelare il leghista è il collega e sottosegretario Giancarlo Giorgetti, primo in assoluto nel Carroccio a fare pubblicamente retromarcia. “Ma vi sembrano verosimili i minibot? Se si potessero fare, li farebbero tutti”, il giudizio tranchant del sottosegretario, che da Losanna ha tagliato corto rivelando un inedito strappo fra i leghisti al governo.

Strappo che il diretto interessato, il presidente leghista della commissione Bilancio della Camera Claudio Borghi, ha negato con una risatina in diretta su Radio Capital. L’esponente leghista – che dice di non credere a quei ”virgolettati delle agenzie, tante volte hanno scritto cose mie che non stavano né in cielo né in terra” – difende quindi a spada tratta la misura: i minibot, spiega, “sono verosimili, vero è che non sono mai stati fatti. E’ una cosa che abbiamo discusso tante volte, anche di recente, Salvini è d’accordo. Non c’è alcun incidente con Giorgetti. Certo è una cosa molto coraggiosa, difficile da portare a casa viste le reazioni negative di mezzo mondo”.

E allora le dichiarazioni di Giorgetti? “Poverino – replica -, è lì che aspetta una cosa importante come le Olimpiadi e gli rompono le scatole con i minibot. E’ probabile che poi uno sbotti”, la replica. Poi, oggi, una nuova smentita. Giorgetti, afferma Borghi, “mi ha poi telefonato per dirmi che il suo era solo uno scherzo”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background