Nomine Ue, Conte a Bruxelles  

Pubblicato da in data 29 Giugno 2019

Nomine Ue, Conte a Bruxelles

(Afp)

Pubblicato il: 30/06/2019 19:30

L’Italia valuterà la candidatura del laburista olandese Frans Timmermans come presidente della Commissione, ma quello che conta è “l’equilibrio” del pacchetto complessivo delle nomine Ue. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Bruxelles a margine del Consiglio Europeo. “In modo previdente – afferma il premier – ho dormito stamattina qualche ora in più. Sono arrivato questa notte, mi sono preparato ad una lunga maratona: ci sono delle proposte, si parla di Frans Timmermans come presidente della Commissione. E’ una candidatura che valuteremo“.

“Ma all’Italia – continua – interessa che siano forti personalità, che sappiano interpretare questo momento critico per l’Unione, che sappiano contribuire a costruire un’Europa più forte, un’Europa più solida, quindi non vedo l’ora di un confronto costruttivo. Cercheremo tutti insieme di trovare le soluzioni migliori. L’importante è una logica di pacchetto, che l’intera composizione appaia equilibrata, rispettando tutti i criteri, anche il genere e la dislocazione geografica equilibrata”, spiega Conte. “Sono qui per difendere gli interessi degli italiani: in questo momento storico, in questa congiuntura, nell’avvio di una nuova legislatura – spiega ancora – il modo migliore per difendere gli interessi degli italiani è rivendicare un portafoglio economico di peso” nella Commissione Europea.

Il presidente del Consiglio ha poi sentito al telefono il vicepremier Luigi Di Maio. Al centro del colloquio, a quanto si apprende, le nomine al vertice dell’Ue e la procedura di infrazione.

BETTEL – “Stanotte o al più tardi domattina ci sarà una soluzione sul tavolo” per le nomine dei vertici Ue, “e questo è ciò che conta”. Lo ha previsto il premier lussemburghese Xavier Bettel, arrivando a Bruxelles per il Consiglio Europeo straordinario sulle nomine. “Abbiamo davanti una lunga notte – ha continuato – l’importante è che troviamo un accordo, e questo può avvenire rapidamente o meno”. “Ci sarà un progresso decisivo questa notte – ha aggiunto Bettel – ne sono convinto. La notte ha molte ore, fino a domani: sono convinto che troveremo una soluzione per un candidato che abbia le chances” per riuscire a fare bene il presidente della Commissione. “Sarei lieto se riuscissimo stanotte ad avere un pacchetto equilibrato: se abbiamo due uomini, sarei contento di avere anche due donne”.

“E la Bce – ha continuato Bettel – potrebbe essere una delle cariche in cui avere una donna. E’ una possibilità. I partiti proeuropei hanno vinto le elezioni; sarebbe un disastro se non riuscissimo ad avere una soluzione nei prossimi giorni o nelle prossime settimane. Non sarebbe un disastro se non riuscissimo ad averla nelle prossime ore, ma sono convinto che stanotte la avremo”, ha concluso.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background