Trump avrà il suo ‘4 luglio’ 

Pubblicato da in data 1 Luglio 2019

Trump avrà il suo '4 luglio'

(FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 02/07/2019 15:54

Donald Trump non vuole rinunciare ad uno degli obiettivi della sua presidenza: un 4 luglio a Washington che non ha nulla a che invidiare al 14 luglio, come quello che ha vissuto a Parigi, nell’estate del 2017, al fianco di Emmanuel Macron. E dopo non essere riuscito lo scorso anno ad avere la sognata la parata militare, che sarebbe costata quasi 100 milioni di contribuenti e distrutto con il passaggio dei cingolati le strade della capitale, Trump quest’anno ha avuto l’idea di aggirare l’ostacolo.

E si è ‘impossessato’ del tradizionale show di fuochi d’artificio che viene organizzato ogni anno nel Mall, trasformandolo in un “Salute to America”. Ed in questo programma – che culminerà con il discorso che Trump pronuncerà sulla scalinata del Lincoln Memorial – sono rientrati dalla finestra i tank ed i voli acrobatici dei caccia, i Blue Angel, che bruciano 10mila dollari all’ora, e persino F-35, che di dollari nel bruciano 30mila per ogni ora di volo. Previsto anche un sorvolo dell’Air Force One, i cui costi si aggirano intorno a 140mila dollari all’ora.

Per non suscitare la reazione delle autorità locali, Trump ha detto che i mezzi corazzati “rimarranno parcheggiati fuori” dal Mall. Ma ci saranno, come ci saranno almeno 300 militari, in gran parte di bande militari. E ci saranno i fuochi d’artificio che Trump promette “speciali, come non avete mai visto”.

Se il presidente si aspetta folle di sostenitori, non mancheranno neanche le proteste, i dimostranti. E si prevede già l’arrivo di un “Trump Baby Balloon”, ormai diventato il simbolo fisso di ogni manifestazione anti-Trump ad ogni latitudine.

Non a caso gli storici ed i giornalisti più anziani ricordano che tra i predecessori di Trump – che solitamente si sono tenuti lontani dalle celebrazioni del 4 luglio – l’unico ad avere organizzato un evento simile è stato Richard Nixon, a cui spesso l’attuale inquilino della Casa Bianca viene avvicinato. Nel 1970 l’unico presidente americano della storia che si è dimesso per evitare l’impeachment organizzò ‘Honor America Day’ che poi degenerò un una rivolta da parte dei dimostranti anti-guerra che la polizia sedò con i gas lacrimogeni.

A due giorni dalla manifestazione, di cui Trump starebbe personalmente seguendo i preparativi, mancando comunque moltissimi dettagli su organizzazione e, soprattutto, costi. E dai democratici arrivano già le accuse di aver trasformato una festa nazionale in un evento della campagna elettorale per la rielezione, a spese dei contribuenti. Una festa che celebra “la democrazia, la libertà e la ricerca della felicità: è triste vedere che il presidente lo trasforma in un comizio politico”, ha detto Steny Hoyer, leader della maggioranza dem.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background