Il 4 luglio di Trump, incubo flop presenze  

Pubblicato da in data 3 Luglio 2019

Il 4 luglio di Trump, incubo flop presenze

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 04/07/2019 16:37

Donald Trump ha finalmente ottenuto di avere il 4 luglio che sognava, con tanto di carri armati, anche se fermi, e voli acrobatici, ma ora tra lo staff della Casa Bianca serpeggia il terrore di un flop di presenze, con la replica – come in un brutto incubo – dello strascico di critiche e polemiche con i media come successe per l’inagurazione nel 2017, quando il Mall rimase mezzo vuoto.

Funzionari della Casa Bianca e del partito repubblicano infatti negli ultimi giorni stanno ricevendo cortesi rifiuti da parte delle persone a cui stanno mandando gli inviti per la tribuna dei vip, costruita davanti al Lincoln Memorial dove Trump questa sera pronuncerà il discorso del 4 luglio, discorso già bollato dai democratici come un vero e proprio comizio elettorale.

“Hanno iniziato così tardi con i preparativi e tutti avevano già preso impegni, saranno tutti presenti nello spirito, ma la gente si è già organizzata settimane fa per il 4 luglio”, ammette candidamente Dan Eberhart, uno dei donor del partito, parlando con Politico. Il sito ha fatto un sondaggio informale e molti dei donor e repubblicani vicini alla Casa Bianca contattati hanno risposto dalla località balneari dove intendono trascorrere il ponte lungo del 4 luglio.

Il risultato è che fino all’ultimo si sta lavorando non solo al discorso di Trump ma anche alla lista degli invitati alla Casa Bianca, dove sembra regnare il caos – che è un poi la cifra della gestione di Trump – e la tensione è alle stelle.

“Il fatto è che si è dovuto costruire tutto dal nulla – ammette un collaboratore del presidente riferendosi al fatto che nessun predecessore di Trump ha mai organizzato un evento per il 4 luglio – ci sono dubbi sulla distribuzione dei biglietti, su chi effettivamente vedrà. Il tempo potrebbe essere brutto…. c’e’ da farsi girare la testa”.

Ufficialmente la Casa Bianca è super abbottonata, limitandosi a dire che i posti a sedere saranno riservati alla famiglia di Trump ed ai suoi amici, ai ospiti speciali ed a famiglie di reduci militari. Si prevede la partecipazione di diversi membri dell’amministrazione. Intanto, è stata avviata una lotteria tra i dipendenti della Casa Bianca con in palio 10 biglietti: un segnale, si sottolinea a mezza voce, della preoccupazione dei posti vuoti in tribuna.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background