Polizia: sulle divise arriva l’aquila, ‘segno della vittoria sul male’  

Pubblicato da in data 3 Luglio 2019

Polizia, arriva l'aquila sui distintivi

Pubblicato il: 04/07/2019 18:29

(Di Giorgia Sodaro) – Sulle divise dei poliziotti arriva un nuovo simbolo: l’aquila dorata. “Segno della lotta e della vittoria sul male”, è l’elemento che accomuna tutte le nuove qualifiche della Polizia di Stato. La novità è stata introdotta dal decreto interdirettoriale del 5 aprile 2018, che ha appunto definito i nuovi distintivi di qualifica del personale della Polizia di Stato, e che si inquadra nell’ambito del processo di revisione dei ruoli delle forze di polizia previsto dal decreto legislativo 95/2017.

La foggia dei nuovi distintivi è il frutto del lavoro di una commissione composta da membri istituzionali dell’amministrazione, da rappresentanti sindacali e da un esperto di araldica. Il progetto ha comportato una spesa di 3,5 milioni di euro. Una significativa parte di queste spese sarebbero state sostenute in ogni caso, poiché il riordino delle carriere ha introdotto nuove qualifiche (basti pensare alle sole figure dei ‘coordinatori’) che avrebbero comportato, in ogni caso, la necessità di produrre i corrispondenti segni di qualifica.

I nuovi segni di qualifica saranno presentati al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e alle massime cariche istituzionali l’11 luglio e dovranno essere indossati da tutto il personale della Polizia di Stato a partire dalle ore 7.00 del 12 luglio.

Il rinnovamento, si sottolinea nella circolare del dipartimento della Pubblica sicurezza, “segna l’inizio di una nuova epoca” e intende “attualizzare lo straordinario disegno del legislatore del 1981, che con la legge 121 ha rifondato la polizia di Stato, rendendola unica forza, a competenza generale, ad ordinamento civile che esprime l’autorità di pubblica sicurezza, perno centrale e sintesi del nostro sistema di sicurezza che si fonda sulla pluralità delle forze di polizia”.

“I nuovi distintivi di qualifica, fortemente voluti dal capo della Polizia, sono un altro passo verso la smilitarizzazione, un processo lento e faticoso ma irreversibile che potrebbe, perché no, proseguire con l’unificazione delle forze di polizia, sotto le dirette dipendenze del Dipartimento della Polizia di Stato, per eliminare le troppe sovrapposizioni funzionali che ancora persistono fra forze di polizia civili e corpi militari”, sottolinea all’Adnkronos il segretario generale della Consap Cesario Bortone. “Come sindacato – aggiunge – abbiamo elaborato una proposta in questo senso che invieremo al Presidente del Consiglio e ai ministri competenti”.

I distintivi di qualifica sono uguali per tutti i ruoli del personale della polizia di Stato. A differenziare le funzioni tecnico-scientifiche, tecniche e le attività professionali è il diverso colore delle mostreggiature. Inoltre a eccezione degli Assistenti, l’articolazione dei distintivi di qualifica abbandona la classica disposizione in linea verticale e adotta un orientamento orizzontale per due elementi, piramidale per tre elementi e a rombo per quattro elementi.

L’inserimento dell’aquila nell’architettura delle mostreggiature di tutte le qualifiche è mirato ad “amplificarne la forza etica, abbracciando idealmente gli elementi costitutivi delle diverse posizioni gerarchiche”, si legge nella circolare. Inoltre ogni “qualifica è caratterizzata da un elemento peculiare che ne connota l’essenza”.

Il plinto araldico, una barretta orizzontale rossa, struttura portante delle fondazioni di un edificio, individua “agenti e assistenti” ovvero il personale “maggiormente presente sul territorio, sostegno dell’intera struttura della Polizia e prima rassicurante presenza per il cittadino”.

Il rombo dorato viene usato invece per i sovrintendenti: il profilo fusiforme della figura “richiama una punta di lancia simbolo di un dinamismo operativo temperato dall’esperienza”. A connotare gli ispettori c’è invece il pentagono dorato che “rappresenta il ruolo a sviluppo direttivo, che immette nella carriera dei funzionari”.

Nei nuovi distintivi di qualifica è stato, inoltre, introdotto, secondo quanto si legge nella circolare, “un elemento fortemente innovativo” legato alla “figura del ‘coordinatore’, “qualifica apicale del ruolo degli assistenti, dei sovrintendenti e degli ispettori”.

La formella dorata è uno degli elementi che identifica “la carriera dei funzionari a sviluppo dirigenziale” e si richiama al quadribolo di Lorenzo Ghiberti, uno fra gli esempi di architettura gotico-rinascimentale italiana, a significare la tutela del nostro Paese, inteso come forziere di un inestimabile patrimonio di civiltà”. Infine da commissario capo fino alla qualifica di primo dirigente l’aquila è inserita in un ‘serto’, una corona, con il motto della polizia ‘sub lege libertas’. Sopra le formelle, da una a quattro, definiscono la qualifica.

Infine il dirigente superiore e il dirigente generale sono contraddistinti “da un’aquila d’oro, timbrata dalla grande corona turrita, su due galloni orizzontali dorati sovrapposti, uniti al centro a x”. Fra i due galloni sempre il motto ‘sub lege libertas’ e sopra di esso una o due formelle a seconda della qualifica.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Articolo precedente

 


Thumbnail
Traccia corrente

Titolo

Artista

Background