Libri: ‘Io sono il Fiume’, romanzo di esordio di Mario Santamaria  

Pubblicato da in data 6 Luglio 2019

'Io sono il Fiume', il primo romanzo di Mario Santamaria

Pubblicato il: 07/07/2019 15:29

“Io sono il fiume” per l’Erudita (Giulio Perrone Editore) è il romanzo d’esordio di Mario Santamaria, 48enne romano con una laurea in Antropologia, un lavoro nella comunicazione universitaria e una passione per la scrittura. “Io sono il fiume” è la storia di due generazioni, di un figlio inseguito dal fantasma ingombrante del padre e del sogno dell’uomo di governare il tempo. È la storia di tre scienziati e della loro avventura, partita da una domanda con troppe risposte: quanto dura il presente? È la storia di Appo e Bliss. Del viaggio attraverso le Fasce Esterne che riscriverà più volte le loro vite. È la storia di Roma, devastata dai bombardamenti e ridotta a un pugno di quartieri protetti dal Recinto. Il suo nome, proibito. È la storia di un uomo senza scrupoli che minaccia l’ordine universale, spinto da un’ossessione che chiama amore.

Con uno stile asciutto che concede poco ai fronzoli, Santamaria accompagna il lettore in un viaggio avvincente attraverso ciò che resta della città. Un randagio opportunista e una combattente stremata partono per quello che all’inizio sembra solo il tentativo disperato per salvare la vita di lei. Un tentativo più volte interrotto dai dubbi, dai conflitti, dagli eventi, dalle altre forze in campo. Ostacoli che fanno presto emergere il vero nodo da sciogliere. Nel passato qualcosa non è andato come avrebbe dovuto. Qualcosa che ha cambiato per sempre le loro vite. Qualcosa che ognuno di quelli che sanno, racconta in maniera diversa.

Uno dei temi portanti attorno a cui ruotano le due linee narrative di “Io sono il fiume” è il tempo. Il tempo di Newton, che “scorre come il fiume” e ci trascina via. E il tempo che, secondo le teorie contemporanee, in realtà non esiste. Il tempo che percepiamo, ma non scorre, perché il fiume siamo noi stessi. In tempo che intrappola e strattona i personaggi. Li spinge ad agire e poi li inganna.

In un’epoca come la nostra, che resuscita i muri, Santamaria mette a custodia di Tiberia – la Roma sopravvissuta – un recinto. Una rete metallica che protegge i palazzi restaurati del centro dalla devastazione di ciò che si agita nei Quadranti, nelle terre contese. Un recinto con una caratteristica in più: fin dall’inizio non è mai chiaro se chi sta dentro sia in gabbia o protetto, e chi sta fuori sia escluso o, invece, libero. Un recinto che tiene lontano e racchiude allo stesso tempo. Ma un recinto violabile. Ed è proprio Appo, il randagio protagonista, ad andare e venire a suo piacimento, per non essere né di qua né di là, per evitare di appartenere.

Ogni personaggio di “Io sono il fiume” è spinto dalla propria ossessione. Un concetto, un’idea che genera scelte, distrugge relazioni. Un principio a cui vale la pena sacrificare tutto il resto. Che si tratti della libertà o del potere, dell’amore o della scienza fa poca differenza.

Mario Santamaria nasce a Roma nel 1971. Laureato in Antropologia, è il responsabile della comunicazione della Crui, l’associazione delle università italiane. Negli anni ’90 una sua storia breve viene inserita in una raccolta edita dal Comune della sua città. Nel 2008 pubblica a quattro mani Le favole di Nonna Viola, un testo per ragazzi. Nel 2014 dà vita a Narrabit, un blog di racconti. Nel 2016 esce La sezione profonda, (L’Erudita, Gruppo Perrone Editore). Nel 2017 vince il Premio Letterario Roberto Iannilli. Alcuni suoi racconti sono apparsi su Mag O, e nelle antologie Maschere (L’Erudita) e Trame Verticali (Edizioni Il Lupo). “Io sono il fiume” è il suo primo romanzo.

Il tempo sembra il grande protagonista del romanzo. Ma quindi, esiste o non esiste? “Nel libro – spiega Santamaria all’Adnkronos – ci sono due storie che si intrecciano. Due generazioni. Genitori e figli. E in effetti, in quella che si svolge nel passato, ci provano in tre a mettere in crisi il nostro concetto di tempo. Quello dell’orologio, quello che scorre e non ci puoi fare niente. Esiste o non esiste? Di sicuro esistono i cambiamenti. E spesso scambiamo questi per quello”.

“Per capire cosa succede nella storia – aggiunge – provo a fare un esempio. Se tocchi un tavolo senti la sua superficie. Liscia o ruvida che sia. Non senti altro. Ma lo sai per certo che là sotto ci sono molecole con strutture particolari, atomi, particelle. Ma il tatto non ti permette di sentirli. Ecco, una parte della Fisica contemporanea sostiene che per il tempo sia lo stesso. Al livello macroscopico vedi gli effetti del suo scorrere. Ma là sotto potrebbe essere tutto fermo. La nostra percezione – sottolinea – potrebbe essere solo il frutto della superficialità dei nostri sensi. Non solo. L’evoluzione non ci ha nemmeno dotati di un organo che “sente il tempo”. Magari ha tentato di avvertirci”.

L’altra storia quella nel presente, è di fatto un viaggio di scoperta, di “formazione”. Un viaggio a ritmo serrato, pieno di ostacoli. Come mai una soluzione così tradizionale in un romanzo che decisamente non lo è? “Ormai – spiega ancora Santamaria – le storie sono state raccontate tutte. E secondo me il “come” sta diventando sempre più importante del “cosa””.

“In questo caso – prosegue Santamaria – il viaggio è motivato dall’emergenza. La vita di Bliss è in pericolo, ma Appo resiste. In realtà quel viaggio non vuole farlo. Il noto e la zona di confort sono sempre meglio di ciò che ci aspetta lontano, dove non riusciamo a vedere. E questo anche se i luoghi che dovranno attraversare, Appo li conosce bene. Sono quelli dei suoi traffici, soprattutto quelli illeciti. Evidentemente ciò che all’inizio lo trattiene, e poi lo spinge, è altro. E’ il fatto di sapere. Il timore e, allo stesso tempo, il desiderio di sapere da dove vieni. Che però ti costringe a rimettere in dubbio chi sei. Non solo. La verità che cerca viene più volte rimessa in discussione. A un certo punto sembra quasi sfuggirgli, intrappolata com’è nella rete delle diverse versioni del passato, che cambia a seconda di chi lo racconta”.

Quanto al suo futuro e ai suoi progetti Santamaria annuncia: “ho iniziato un altro romanzo. Una vicenda familiare ambientata in una valle del sud. La fase di ricerca è stata lunga e ora si tratta di scrivere la storia. Ma soprattutto di scriverla come vorrei scriverla. Non è tanto il “cosa” che mi preoccupa in questo caso, quanto il “come”. Ci vorrà un po’, ma – conclude – è proprio questo che mi piace della scrittura. La fatica che ci vuole ad arrivare dove vuoi arrivare”.


Opinioni dei lettori
  1. sling tv   On   7 Gennaio 2020 at 13:40

    Attractive section of content. I just stumbled upon your web site and in accession capital to assert that I
    acquire in fact enjoyed account your blog posts.

    Anyway I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you access
    consistently fast.

  2. sling tv   On   1 Gennaio 2020 at 02:15

    My brother suggested I might like this blog.
    He was entirely right. This post actually made my day.
    You cann’t imagine simply how much time I had spent for this information! Thanks!

  3. http://tinyurl.com/taedfgd   On   31 Dicembre 2019 at 15:19

    Hello There. I found your blog using msn. This is a very well written article.
    I will be sure to bookmark it and come back to read more of your useful info.
    Thanks for the post. I’ll definitely comeback.

  4. match.com free trial   On   31 Dicembre 2019 at 01:51

    Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wanted
    to say that I have truly enjoyed browsing your blog posts.
    After all I will be subscribing to your feed and I hope you write
    again soon!

  5. ps4 games   On   6 Dicembre 2019 at 14:15

    I like the helpful information you provide in your articles.
    I will bookmark your blog and check again here regularly.
    I am quite sure I’ll learn plenty of new stuff right here!
    Best of luck for the next!

  6. quest bars cheap coupon twitter   On   2 Dicembre 2019 at 20:41

    Definitely consider that that you stated. Your favourite reason appeared to be at the net the easiest factor to take into account of.

    I say to you, I definitely get irked even as other folks consider issues that they plainly don’t recognize
    about. You managed to hit the nail upon the highest as neatly as outlined out the entire
    thing without having side effect , other people can take a
    signal. Will probably be back to get more.
    Thanks

  7. ps4 games   On   29 Novembre 2019 at 05:48

    I don’t even understand how I ended up right here, however I believed this
    submit was once good. I do not understand who you’re but definitely you are going to a well-known blogger if you
    happen to are not already. Cheers!

  8. ps4 games   On   28 Novembre 2019 at 11:59

    Hmm it looks like your website ate my first comment (it
    was super long) so I guess I’ll just sum it up what I had written and say,
    I’m thoroughly enjoying your blog. I too am
    an aspiring blog blogger but I’m still new to everything.
    Do you have any tips and hints for beginner blog writers?
    I’d really appreciate it.

  9. http://tinyurl.com/tt8blos   On   24 Novembre 2019 at 22:28

    After exploring a handful of the blog posts on your web
    site, I really appreciate your way of blogging.
    I book-marked it to my bookmark webpage list
    and will be checking back in the near future.
    Please check out my website as well and tell me how you feel.

  10. tinyurl.com   On   23 Novembre 2019 at 21:20

    whoah this weblog is magnificent i love reading your posts.
    Stay up the good work! You realize, a lot of people are searching
    around for this information, you can aid them greatly.

  11. comprar viagra generico   On   2 Ottobre 2019 at 21:40

    Mención aparte merece también el trastorno de la impotencia o disfunción eréctil en la tercera edad, ya que existen muchos malentendidos. Si quieres saber más, pulsa sobre el botón que se encuentra abajo, o lee el resto de artículos que te he preparado. En casos más graves puede llegar a originar problemas de eyaculación precoz. Esta disfunción es más común a medida que se envejece pero no es parte natural del envejecimiento.

  12. comprar cialis   On   10 Agosto 2019 at 19:05

    Pero los casos donde estos problemas persisten deben ser abordados. La erección del miembro reproductor masculino es provocada por un serie de interacciones donde interviene el sistema vascular, neurológico e incluso el psicológico.

  13. comprar viagra   On   9 Agosto 2019 at 18:29

    La correlación entre la disfunción eréctil y la baja autoestima parece obvia desde una dirección: una incapacidad para actuar en el dormitorio puede hacer que te sientas mal contigo mismo. Intente inhalar lenta y profundamente durante un conteo de 5 y luego contenga la respiración durante 5 segundos antes de exhalar lentamente durante otro conteo de 5. La excitación sexual masculina es un proceso complejo que involucra al cerebro, las hormonas, las emociones, los nervios, los músculos y los vasos sanguíneos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background