Ariotti (Assofond), ‘difficoltà a trovare professionalità richieste’  

Pubblicato da in data 7 Luglio 2019

Ariotti (Assofond): Difficoltà a trovare professionalità richieste

Roberto Ariotti presidente Assofond

Pubblicato il: 08/07/2019 14:50

“Oggi occupiamo quasi 30.000 lavoratori, quasi tutti assunti a tempo indeterminato (il 96%), ma abbiamo sempre necessità di assumere. Al di là dei luoghi comuni, il lavoro in una moderna fonderia è oggi un impiego che garantisce buone possibilità di crescita e che è fatto di ingegno, tecnologia e alta specializzazione. Ciò nonostante, incontriamo molte difficoltà a trovare figure professionali adeguate alle nostre esigenze”. Così, in un’intervista all’Adnkronos/Labitalia, Roberto Ariotti, presidente di Assofond. “I percorsi formativi – spiega – offerti dagli istituti tecnici sono poco frequentati dai nostri ragazzi, e ancor meno lo sono gli Its, le scuole di specializzazione tecnica post diploma, che in Italia contano circa 11.000 studenti contro gli oltre 800.000 della Germania. Anche questo è un aspetto su cui la politica potrebbe intervenire supportando la presenza di questi istituti nelle aree a maggior vocazione industriale e favorendone la crescita”.

“Anche se il 2019 – sottolinea Ariotti – probabilmente si chiuderà in difesa, la fonderia italiana si conferma un’eccellenza nel panorama della meccanica mondiale. Negli ultimi anni, grazie alla spinta dei provvedimenti legati a Industria 4.0, ci siamo rinnovati sia sul fronte della qualità che dell’efficienza e sostenibilità, dimostrando una grande capacità di adattamento ai cambiamenti e alle nuove esigenze dei clienti. Sono quindi convinto che le nostre aziende abbiano la forza per resistere a questo momento negativo e confermarsi ai vertici del settore in Europa, dove siamo il secondo Paese per produzione dopo la Germania”. “Ci serve però poter operare alla pari con i nostri competitor: per poterlo fare abbiamo bisogno che non vengano imposte nuove tasse sui fattori produttivi, che venga potenziata la formazione tecnica, che si favorisca l’incontro fra scuola e imprese e, soprattutto, che si riaffermi con forza la presenza italiana in Europa, che rappresenta ormai il mercato domestico delle nostre imprese”, avverte.

“Dopo una buona crescita – ricorda – fra il 2017 e la prima metà dello scorso anno, da luglio 2018 in poi qualcosa si è inceppato: la congiuntura globale sfavorevole ha portato a un generale rallentamento di quasi tutti i settori committenti, e pesano anche fattori geopolitici come i dazi di Trump, la guerra commerciale fra Usa e Cina, la Brexit. Ciò nonostante, lo scorso anno siamo riusciti a centrare una crescita dell’1,2% che, considerando il contesto generale, ci fa dire di avere ‘tenuto botta’. Il 2019 ha però proseguito il trend di debolezza di fine 2018, sia pure in maniera meno marcata. Nei primi quattro mesi dell’anno la produzione industriale del settore è risultata in calo del 5% sullo stesso periodo dell’anno precedente”. “Anche se la congiuntura – osserva – è negativa a livello globale, di certo in Italia ci stiamo mettendo del nostro: il governo gialloverde fa solo propaganda, parla di minibot, guarda con scetticismo all’Europa. Invece noi abbiamo bisogno di più Europa, abbiamo bisogno che non vengano imposte nuove tasse sui fattori produttivi (lavoro ed energia), abbiamo bisogno di protezione dal dumping sociale ed ecologico, abbiamo bisogno che si potenzino gli istituti tecnici e le forme di collaborazione fra scuole e impresa, abbiamo bisogno che si completi la transizione all’economia circolare e che si facciano passi avanti sui decreti end of waste”.

“Le fonderie – precisa – rappresentano già un sistema avanzato di economia circolare, ma potrebbe funzionare ancora meglio ma servono norme chiare e certe. Le fonderie riciclano buona parte dei rottami metallici giunti a fine vita, fondendoli per realizzare nuovi prodotti. Negli ultimi anni, peraltro, la percentuale di materiali di recupero utilizzata in sostituzione della materia prima vergine è cresciuta costantemente, arrivando ormai a toccare i due terzi del totale”.

Anche gli scarti della produzione, prosegue, “sono reimpiegati nel processo: il 95% delle terre esauste usate in fonderia, ad esempio, viene riutilizzato in sostituzione di sabbie e terre provenienti da attività estrattive, e quelle che non possiamo reimpiegare direttamente nelle nostre aziende possono essere utilizzate in sostituzione di sabbie ‘vergini’ da altri settori produttivi o per realizzare rilevati stradali o recuperi ambientali”. “La loro classificazione come rifiuto, però, impone lungaggini burocratiche e costi di gestione tali da far spesso preferire il ricorso a sabbie provenienti da estrazione, con notevoli danni per l’ambiente”, aggiunge.

“Abbiamo calcolato – ammette il presidente di Assofond – che se tutte le sabbie esauste prodotte dalle fonderie e oggi scartate venissero riutilizzate al posto di sabbie vergini, dalla mancata estrazione si potrebbe generare ogni anno un risparmio di quasi 25.000 tonnellate di CO2. Se consideriamo che un ettaro di bosco imprigiona in media 3,5 tonnellate di CO2, per ottenere un simile risultato bisognerebbe piantare 7.200 ettari di bosco ogni anno”.


Opinioni dei lettori
  1. propecia 1mg   On   3 Novembre 2019 at 07:53

    Deve-se ressaltar que nem todo filho de pai calvo será, necessariamente, também calvo, pois o lado maternal é igualmente importante, assim, eventualmente, a herança da calvície poderá ser proveniente da ala feminina da família, e não da masculina.

  2. curación   On   27 Ottobre 2019 at 23:30

    Disfuncion Erectil Nos referimos con la expresion Disfunción Eréctil a la situación por la que un hombre tiene problemas para lograr o mantener la erección durante un tiempo lo suficientemente prolongado para el acto sexual. Vamos a explicarlo.

  3. buy propecia online   On   23 Ottobre 2019 at 18:56

    Alopecia areata is an autoimmune condition in which the body attacks its own hair follicles. For those who choose not to take Propecia, or who cannot take it due to its side effects, surgical hair restoration is just as effective.

  4. cephalexin liquid   On   17 Ottobre 2019 at 21:25

    Bronchitis is an inflammation of the bronchi, when there is a narrowing of their lumen, breathing becomes difficult, there is a cough with sputum. Let’s further define what bronchitis is. Symptoms and antibiotic treatment of this disease will be discussed in the article.

  5. link   On   4 Ottobre 2019 at 01:26

    Therefore, men with these health conditions should not use vardenafil without having these conditions evaluated and stabilized first.

  6. viagra generico   On   2 Ottobre 2019 at 00:47

    Una vez que la persona con la que convives sabe tu problema, y después del shock inicial, seguro que encuentras su ayuda. Los problemas de disfunción eréctil o impotencia son muy comunes entre los hombres. Por un lado podrás encontrar los ejercicios de relajación y respiración; luego la actividad física para favorecer el funcionamiento del organismo, como por ejemplo las rutinas cardiovasculares; y finalmente tenemos los ejercicios directos para la disfunción erectil como los Kegel, que deben hacerse en al menos 30 repeticiones por día, comprimiendo y luego relajando los músculos de la pelvis.

  7. método de tratamiento   On   16 Settembre 2019 at 21:30

    Disfuncion erectil 16 años. Esas drogas no deben ser usadas sin supervisión médica, no sólo por los riesgos de los efectos adversos, sino también porque sin una completa evaluación pueden resultar ineficaces. Y las mujeres, que gusto le cogen. Cialis ansiedad…

  8. comprar cialis   On   10 Agosto 2019 at 20:19

    ¿Sabes que es un simulacro? El hombre no debería mostrar ninguna postura demasiado grande de espera, dentro de la terapia de pareja, se puede obtener una mejora. Esto es cuando el pene tiene una curvatura hacia arriba o hacia los lados.

  9. viagra generico   On   9 Agosto 2019 at 19:21

    Disfunción eréctil se presenta cada vez a edades más tempranas. La disfunción eréctil o impotencia es la incapacidad de obtener la suficiente erección del pene para conseguir la penetración vaginal y mantenerla hasta la eyaculación. Si ha tenido problemas de erección en el pasado, esas experiencias aumentarán el peso de la ansiedad por el rendimiento. La baja autoestima también puede ser un signo de otros problemas psicológicos como la depresión. Pero la disfunción eréctil no es necesariamente una parte inevitable del proceso de envejecimiento. Si bien la disfunción eréctil es un problema profundamente personal, no es algo que deba sufrir solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background