Chicchi grandi come arance  

Pubblicato da in data 9 Luglio 2019

Costa adriatica in ginocchio

Pubblicato il: 10/07/2019 12:55

Marche in ginocchio dopo la tempesta di pioggia e vento che ieri ha devastato spiagge, tra cui quelle di Numana e Sirolo, provocato la caduta di numerosi alberi, oltre ad allagamenti e incidenti, e registrato anche un morto, un uomo di 72 anni colpito da infarto nel pomeriggio di ieri a Osimo durante la bufera.

Danni alle strutture turistiche sulla costa fanese e sulla Riviera del Conero, mentre ad Ancona sono state decine le persone soccorse per incidenti stradali e forti disagi si sono registrati in tutte le province e nel capoluogo. Tanti i danni in particolare a Pesaro, dove il temporale ha causato anche black out elettrici su diverse zone, con raffiche di vento fino a 150 km/h.

“La situazione è stata affrontata tempestivamente grazie al lavoro di tecnici, volontari e forze dell’ordine che hanno consentito di uscire dall’emergenza. I danni sono stati ingenti ma la forza di volontà dei numanesi e il rispetto che abbiamo per i turisti ha fatto sì che Numana sia già pronta ad accoglierli e a regalare loro, come sempre, una splendida vacanza”, si legge nel post pubblicato su Facebook dal sindaco di Numana Gianluigi Tombolini.

“Siamo vicini alle comunità marchigiane colpite dal maltempo e siamo in costante contatto con la Protezione civile regionale per monitorare le criticità sul territorio. Più tardi sarò a Numana con il sindaco Gianluigi Tombolini per un sopralluogo”, scrive su Facebook il governatore delle Marche Luca Ceriscioli.

Fino alle 24 di oggi nella regione è allerta ”gialla” secondo quanto prevede il bollettino di allertamento meteo della Protezione civile regionale che sta monitorando la situazione nelle Marche. Sono pervenute oltre 500 richieste di interventi ai Vigili del Fuoco, 300 ancora da ultimare. Nel Maceratese, tra Recanati e Porto Recanati, è stato necessario l’intervento del 118 per soccorrere una persona colpita dalla caduta di un albero. Risultano aperti vari Centri operativi comunali (Coc), in particolare a Loreto, Numana e Sirolo, con numerosi gruppi di volontariato della protezione civile impegnati a smaltire gli interventi richiesti, per lo più determinati dalla caduta di alberi e allagamenti.

In Abruzzo, nella provincia di Chieti, i chicchi della grandine caduta erano grandi come palline da ping pong.

Forte maltempo a partire da questa mattina anche in Romagna, lungo la costa. Secondo quanto segnalato dal centro meteo regionale dell’Emilia-Romagna, attorno alle 10 il passaggio temporalesco “piuttosto intenso”, che ha causato allagamenti e disagi, ha determinato anche “la formazione del fenomeno vorticoso sul mare”, al largo di Rimini. Le condizioni, ora, sono “in graduale miglioramento con le precipitazioni che andranno verso i rilievi” e un “rinforzo della ventilazione da nord est”. Danni “importanti” e momenti di tensione, poi, si registrano a Milano Marittima, dove una tromba d’aria ha colpito la cittadina. Il sindaco, Massimo Medri, ha postato sul suo profilo Facebook alcune immagini di alberi abbattuti e auto danneggiate, ma assicura che le squadre sono già al lavoro, sia per rimuovere i pini caduti, sia per i segnali stradali, i cartelli e le infrastrutture mobili divelte dal vento.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background