Metamorfosi 5S, segreteria a 18 senza Fico  

Pubblicato da in data 10 Luglio 2019

Metamorfosi 5S, segreteria a 18 senza Fico

(Fotogramma)

Pubblicato il: 11/07/2019 15:58

di Ileana Sciarra

Sarebbero 18 i referenti tematici e organizzativi del nuovo M5S 3.0. Si tratta delle caselle che andranno a costituire l”ossatura’ del Movimento, una sorta di ‘segreteria politica’, parola bandita in casa 5 Stelle, dove il lessico dei vecchi partiti è tabu. A quanto apprende l’Adnkronos, la riorganizzazione – illustrata ieri sera da Luigi Di Maio ai sottosegretari nel corso di una riunione a P.Chigi – dovrebbe introdurre l’incompatibilità con ruoli di governo o di vertici parlamentari, con uno stop al doppio incarico. Fatta salva la possibilità di dimettersi per poter assumere un nuovo ruolo all’interno del Movimento. Stando allo schema tracciato ieri da Di Maio, raccontano alcuni presenti alla riunione a Palazzo Chigi, dalla ‘cabina di regia’ resterebbero dunque fuori ministri, sottosegretari, presidenti di Camere e delle commissioni parlamentari. E cadrebbe di conseguenza, in automatico, l’ipotesi di fare entrare Roberto Fico nel board del futuro M5S. Così come resterebbero fuori alcuni big, vedi Paola Taverna (attuale vicepresidente del Senato), o gli ex membri del direttorio Carlo Sibilia e Carla Ruocco (rispettivamente sottosegretario all’Interno e presidente della commissione Finanze).

Porte aperte invece, stando almeno allo bozza di schema illustrata ieri, ad Alessandro Di Battista, che, a quanto apprende l’Adnkronos, nelle settimane scorse aveva addirittura proposto di andare oltre lo stop al doppio incarico, chiudendo alle candidature persino di semplici parlamentari per una cabina di regia aperta ai soli attivisti. Una proposta, quella dell’ex deputato grillino, che tuttavia non avrebbe trovato terreno fertile. Lunedì prossimo, con ogni probabilità, Di Maio illustrerà i primi tasselli della riorganizzazione. Verranno prima le caselle e poi, in seconda battuta, i nomi, con candidature aperte e sulle quali deciderà la Rete -probabilmente a partire già a settembre- con delle votazioni sulla piattaforma Rousseau. Il nuovo M5S dovrebbe essere pronto, o almeno questo l’obiettivo, per l’appuntamento di Italia 5 Stelle, che quest’anno celebra il decennale del Movimento con una due giorni a Napoli, il 12 e 13 ottobre.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background