Celeste (Ice): “Mai incontrato Savoini e sto a Mosca da 4 anni”  

Pubblicato da in data 12 Luglio 2019

Celeste (Ice): Mai incontrato Savoini e sto a Mosca da 4 anni

(Fotogramma)

Pubblicato il: 13/07/2019 15:43

Savoini? Sono a Mosca da quattro anni e non l’ho mai incontrato ai nostri eventi“. Così all’Adnkronos il direttore dell’Ice a Mosca Pier Paolo Celeste risponde ad una domanda sul caso dei presunti fondi russi alla Lega tramite il ‘mediatore’ Gianluca Savoini. Celeste non commenta le vicende politiche italiane e si sofferma bensì sui risultati messi a segno dall’agenzia in questi anni in termini di assistenza all’internazionalizzazione delle imprese e interscambio, con un occhio di riguardo per le pmi, ossatura del sistema produttivo del Belpaese. “Le pmi italiane sono partner ideali per il mercato russo, dove è in corso un processo di reindustrializzazione” sottolinea. “Siamo partner ideali – insiste – perché le nostre pmi per creatività e flessibilità possono rendere un eccellente servizio all’industria russa”, sottolinea Celeste.

“Certo – spiega – le sanzioni e le contro-sanzioni hanno impattato l’attività delle nostre aziende, a soffrire soprattutto il settore del ‘fresco’ ma siamo riusciti a spostarci su comparti alternativi dello stesso settore scommettendo ad esempio su vino e olio”. Una scommessa vincente come dimostrano i numeri: “L’anno scorso sono arrivate dall’Italia 290mila bottiglie al giorno di vino, delle quali 83mila di prosecco, peraltro appena inserito nella lista del Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco”.

E in questa cornice, spiega il direttore dell’Ice a Mosca, vanno letti anche gli ultimi dati sull’import italiano in Russia, quinto fornitore della Federazione russa, “che segna nel 2019 su base annua un incremento dello 0,5%, contro il calo del 3,5% della Germania e il -18,5% della Francia, un rialzo che potrebbe sembrare piccolo quello dell’import italiano ma che mostra segno positivo in una fase di calo generalizzato dei consumi mondiali e mentre Germania e Francia sono su territorio negativo”. E l’Italia in Russia è presente non solo con i brand della moda e del design ma anche con il settore dei “macchinari, della chimica della farmaceutica”, conclude Celeste.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background